Sindaco e medico coraggioso: morto dopo la visita ad un paziente positivo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:40

Medico e sindaco, la tragedia dopo aver visitato un paziente positivo al Covid. La comunità piange la sua scomparsa.

Costantino Ciavarella
Costantino Ciavarella (Facebook)

San Nicandro Garganico, in provincia di Foggia, piange per la scomparsa del suo amato sindaco, Costantino Ciavarella. Medico, dal 2018 alla guida del comune foggiano, eletto con il centrodestra, Ciavarella, 65 anni, aveva visitato un paziente affetto da Covid. I primi sintomi, le prime ansie, ed il ricovero, ritenuto in quel caso assolutamente necessario nel corso delle festività natalizie. Le cure, la speranza, e l’incubo di non farcela.

Stava migliorando Costantino Ciavarella, c’erano buone speranza che la situazione per lui potesse cambiare, che il miracolo potesse compiersi, che la sua salute potesse migliorare. Ma poi il brusco peggioramento ha sconvolto ogni rosea previsione. Li, in ospedale,  il sindaco Ciavarella si è spento, tra il dolore dei suoi familiari, e la vicinanza di tutti i suoi cittadini, smarriti e pieni di dolore, per la perdita del loro primo cittadino, persona stimata ed amata.

LEGGI ANCHE >>> Scomparso da giorni: ritrovato morto in casa sua tra i rifiuti

LEGGI ANCHE >>> Morto per Covid, i radicali da mesi lottano contro l’abbandono della categoria

Sindaco e medico coraggioso: il cordoglio della comunità foggiana

La moglie, di Costantino Ciaravella, ricoverata nel medesimo ospedale in cui il marito ha perso la vita, sta lottando, ancora, per sconfiggere il maledetto virus, che ha distrutto la sua famiglia. Nel frattempo, numerosissimi i messaggi di stima e di affetto nei confronti del sindaco Ciaravella.

“Un cuore immenso, una persona sempre disponibile con tutti  – dichiara Lorena Di Salvia, consigliera comunale oltre che grandissima amica di Ciaravelli – con i suoi pazienti che curava con amore e con tutta la comunità sannicandrese. “Non riesco ancora a crederci – continua – mi sembra impossibile. Insieme – conclude –  partecipavano tutte le domeniche alla messa. Ci incontravamo sempre tra i banchi della chiesa di Santa Maria del Borgo”.