Ancora un operaio morto: investito da un collega sui binari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:33

Ennesima tragedia sul lavoro. Un operaio è morto dopo essere stato travolto da un carrello escavatore mentre lavorava sui binari.

Binari
Binari (Facebook)

Tragedia sui binari, ancora un operaio morto sul lavoro. Pasquale Barra, 55 anni,  napoletano di Afragola, ma in trasferta per lavoro nelle Marche, stava lavorando sui binari nei pressi della stazione di Jesi. Ad un certo punto, forse perchè chino, o forse in seguito ad una caduta, l’uomo non è stato visto dal suo collega alla guida di un carrello scavatore. Si pensa, forse per l’altezza del posto di guida, ed è stato travolto dal mezzo pesante.

La ditta per la quale l’uomo lavorava, stava eseguendo dei lavori di miglioramento della struttura generale della stazione, come l’abbassamento dei marciapiedi ed il posizionamento di un ascensore. Il cantiere, in seguito all’incidente è stato posto sotto sequestro, in attesa che vengano compiute tutte le indagini del caso. Si attende, inoltre che venga ricostruita una valida dinamica per spiegare il perchè del terribile incidente, che ha portato alla morte dell’operaio 55enne.

LEGGI ANCHE >>> Ascoli, operaio morto nel crollo di un solaio: collega gravissimo

LEGGI ANCHE >>> Cassino, incidente stabilimento FCA: morto un operaio

Ancora un operaio morto: la vicinanza dei gruppi sindacali di settore

“L’anno è appena iniziato e già si conta il primo incidente mortale nella provincia di Ancona con l’operaio travolto, questa mattina, sui binari della stazione ferroviaria di Jesi. La Fillea Cgil e la Filt Cgil di Ancona esprimono cordoglio e rammarico per quanto accaduto; la dinamica dell’incidente non è ancora chiara e, comunque, non spetta al sindacato entrare nel merito della questione“.

Il sindacato, inoltre, attraverso una nota dichiara: “siamo vicini alla famiglia del lavoratore rimasto vittima dell’ennesimo infortunio sul lavoro in un settore, quello edile, tra i più colpiti nella provincia e nella regione”. L’ennesima tragedia, forse evitabile, nel mondo del lavoro italiano, l’ennesima vittima si un sistema spesso, troppo poco sicuro.