Crisi Governo, l’affondo della Boschi: “Non basterà un rimpasto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:21

Nello scontro tra Italia Viva ed il resto degli alleati di Governo, fa sentire la sua voce anche Maria Elena Boschi.

Boschi
Boschi

Nello scontro all’interno della maggioranza, dice la sua anche Maria Elena Boschi, ex ministro ai tempi del Governo Renzi, ed oggi al fianco proprio dell’ex premier in Italia Viva. La questione resta invariata, Conte no sembra voler accontentare gli alleati guidati dall’ex sindaco di Firenze, che a questo punto starebbe valutando una uscita dalla maggioranza, sfilando i suoi ministri e di fatto gettando nel panico il Governo attuale che potrebbe vedersi sfiduciato nel prossimo incontro in Parlamento.

Una eventualità che secondo Renzi però potrebbe non verificarsi, perchè magari potrebbe esserci chi voti in ogni caso la fiducia a Conte, anche da altri schieramenti. Situazione che però non consentirebbe quella continuità politica necessaria ad affrontare determinate situazioni. Ed è proprio la politica il nodo centrale dei dissidi tra Renzi e Conte, con il primo che conferma quanto il contrasto sia puramente politico, e basta.

LEGGI ANCHE >>> Italia viva non è a caccia di poltrone, Renzi: Ho accettato tanto, ora basta

LEGGI ANCHE >>> Crisi di Governo prosegue lo scontro, Renzi: Sfidiamo Conte in Parlamento

Crisi Governo, l’affondo della Boschi: “Conte deve decidersi”

“Noi abbiamo posto questioni di merito: dal piano vaccini all’Alta velocità, dalla riapertura delle scuole all’utilizzo del Mes per la sanità – ha dichiarato la Boschi – ad oggi, nessuna risposta dal governo. Forse il presidente vuole verificare fino in fondo l’ipotesi dei responsabili prima di chiarirsi con noi. Legittimo, ma l’importante è che non perda tempo. Noi siamo pronti al dibattito in Parlamento, le nostre ministre sono pronte a dimettersi”.

Boschi che poi sottolinea: “La narrazione che viene dagli uffici del premier è che ci accontenteranno con un rimpasto. Non è così. Per noi contano le idee, non gli incarichi. Tutti a parole si dicono d’accordo con i temi che abbiamo posto. Innanzitutto chiariamoci su questo, poi verranno i ministri. Noi vogliamo aprire le scuole, non una crisi di governo”