Capodanno in rosso, ma la fortuna non c’entra: cosa non possiamo fare

Da oggi 31 dicembre e fino a domenica 3 gennaio compresi, tornano i giorni di zona rossa in tutta Italia. Cosa non possiamo fare.

Torna la zona rossa in Italia. Da oggi, ultimo giorno dell’anno e fino a domenica 3 gennaio comprsa, non potremo spostarci come vogliamo ma soprattutto saranno le attività commerciali a dovere sopportare un nuovo brusco stop. Ma non tutte. Il coronavirus non ci pensa proprio a lasciarci, nonostante i vaccini c’è l’urgenza di non amplificare il contagio, e allora meglio a casa che a rischiare.

Questa sera non potremo uscire dopo le 22 e domani mattina prima delle 7. La novità del 2021, dunque, è che il coprifuoco termina due ore dopo, ma solo dopo il veglione. Il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione è sempre un motivo legittimo di spostamento, così come gli spostamenti per lavoro, salute o necessità, serve l’auocertificazione.

“Il rientro a casa dopo essere andati a trovare amici o parenti – come scritto nelle risposte del Giverno – deve avvenire tra le 5.00 e le 22.00 (il 1° gennaio 2021 tra le 7.00 e le 22.00)”. E’ possibile spostarsi una sola volta al giorno, per fare visita a parenti o amici, anche verso altri Comuni, ma solo all’interno della stessa Regione e nel limite massimo di due persone. La persona o le due persone che si spostano possono portare con sé i figli minori di 14 anni e le persone disabili o non autosufficienti che convivono. Si può andare ad assistere un parente o un amico non autosufficienti.

LEGGI ANCHE >>> Nell’Italia del vaccino torna l’incubo terza ondata: ancora una volta

LEGGI ANCHE >>> Sequestrato in casa senza cibo ne bagno: non saldava il suo debito

Capodanno in rosso, ma la fortuna non c’entra: i negozi che chiudono

I ristoranti e le altre attività di ristorazione, compresi bar, pasticcerie e gelaterie, sono aperti esclusivamente per la vendita da asporto e per la consegna a domicilio. Chiusi tutti i negozi, tranne quelli che vendono beni di prima necessità e cioè alimentari, farmacie, tabacchi, edicole e parrucchieri.

È consentito svolgere sia attività motoria, individualmente e in prossimità della propria abitazione, sia attività sportiva, ma sempre e solo in forma individuale e all’aperto.