Verona non è più con Saviano: revocatagli la cittadinanza onoraria

Assegnatagli per la sua lotta contro la criminalità, 20 voti favorevoli della commissione hanno decretato la revoca.

Migranti, Saviano sui social: "Grazie Mediterranea Saving Humans"

La mozione di revoca della cittadinanza onoraria nella città di Verona per Roberto Saviano è stata approvata. La richiesta è stata proposta dal consigliere della Lega Nord Alberto Zegler ed è stata approvata con 20 voti favorevoli, effettuati dai partiti della Lega Nord e di Fratelli D’Italia.

La mozione riguarderebbe l’eccessivo tono polemico dello scrittore, in particolare nei confronti del Senatore e Leader della Lega Matteo Salvini.

Precedentemente alle votazioni,  il consigliere comunale di Verona e Sinistra Michele Bertucco, aveva detto: “La logica è sempre quella punitiva: i meriti dello scrittore vengono annullati perché il suo pensiero non è in linea con l’ideologia leghista.

“Nella prima stesura della proposta l’accusa a Saviano era di essere entrato in forte polemica con Salvini per il caso del sequestro delle navi di migranti. Nella seconda stesura l’accusa era data da una presa di posizione di Saviano sulla liberalizzazione delle droghe. Nella Verona bigotta immaginata da Zelger e altri consiglieri di maggioranza, ogni ragionamento o proposta su temi controversi devono essere messe al bando”. 

LEGGI ANCHE >>> Migranti, Saviano attacca la Meloni, e lei: Sciacallo, come dormi la notte?

LEGGI ANCHE >>> Mondragone, Saviano a Salvini: Vai a chiedere scusa alla mia terra

Zegler lo aveva attaccato sulle sue posizioni politiche, definendolo “irrispettoso dei suoi avversari politici e provocatorio”. “Nessuno mette in discussione il suo impegno contro la camorra ma il suo delirio egocentrico lo porta ad attaccare rappresentanti del popolo colpevoli di avere un’opinione diversa dalla sua su più temi: dalle droghe leggere all’immigrazione”.

Della stessa linea anche il presidente del Consiglio comunale e parlamentare di Fratelli d’Italia Ciro Maschio. “Nel 2008 appoggiai la concessione della cittadinanza onoraria. In questi anni non vi è stato comunque alcun rapporto tra Saviano e questa città, abbiamo assistito solo ad una serie di insulti senza contraddittorio a più soggetti”.