Flora Canto, ecco come l’ha conquistata Enrico Brignano

Flora Canto ed Enrico Brignano sono una delle coppie più unite del mondo dello spettacolo, ma c’è un particolare sui loro primi incontri che ha molto stupito i fan, ecco di cosa si tratta.

Questa sera su Rai 2 andrà in onda Per le Feste – Enrico Brignano in “Un’ora sola Vi vorrei”un pizzico di teatro sul piccolo schermo. Al fianco del noto attore ci sarà anche Flora Canto, la compagna e mamma della piccola Martina, conosciuta proprio grazie alla comune passione per recitazione.

In passato Flora ha avuto una relazione con Filippo Bisciglia, terminata quando il giovane entrò a far parte della casa del Grande Fratello e si innamorò di Simona Salvemini. All’epoca la 22enne Flora scelse di prendersi la sua rivincita e partecipò a Uomini e Donne, qui scelse Francesco Pozzese lasciato a un passo dalle nozze.

LEGGI ANCHE>>>Flora Canto compagna Enrico Brignano, perché ancora non si sono sposati?

LEGGI ANCHE>>>“è roba mia”: Enrico Brignano travolto dalla gelosia commenta la foto della compagna

Flora Canto, Erico Brignano l’ha conquistata con la frutta

Nel corso di una vecchia intervista a Vieni da me, il programma condotto da Caterina Balivo, abbiamo scoperto con quale trucchetto Enrico Brignano ha fatto capitolare Flora Canto. L’attrice ospite del talk di Rai 1 ha ricevuto in dono una cassetta di mandarini con all’interno una lettera, regali che hanno causato le lacrime di Flora.

Il motivo è davvero romantico: Enrico Brignano l’ha infatti conquistata con la frutta. I due si sono conosciuti grazie a un amico comune che propose a Flora di presentarsi a un provino per uno spettacolo di Brignano, che riuscì a superare: “Noi avevamo una grandissima complicità, quando provavamo finivamo con le lacrime agli occhi per le risate.”

L’attrice ha poi svelato che per conquistarla Enrico le regalava cesti di frutta: “Io sono un’amante della frutta e quando lui lo ha capito ha iniziato a corteggiarmi in questo modo. E una volta mi portava una cassetta di fichi, una volta di mandarini.”