Inni nazisti e video porno durante presentazione scolastica

Succede a Biella, dove i fatti si sono svolti a causa di un attacco hacker. Indaga la polizia postale sul fatto.

Scuola banchi

 

“Vi uccidiamo tutti” . Video pornografici, inni nazisti e minacce ai bambini. Questo hanno dovuto sentire una serie di genitori e di piccoli studenti delle scuole elementari di Biella, ieri pomeriggio.

Alcuni giovani si sono infatti inseriti durante la presentazione della scuola media ai futuri alunni, inserendo immagini pornografiche, canti fascisti e vari insulti e minacce gravissime

Dopo pochi minuti la riunione online è stata bloccata. Diversi genitori si sono subito rivolti alle forze dell’ordine e alla direzione della scuola media cittadina per chiedere chiarimenti su quanto avvenuto.

LEGGI ANCHE >>> Google non funziona e tutto il mondo si ferma: dal lavoro alla scuola

LEGGI ANCHE >>> Ragusa, a 6 anni si ustiona gravemente durante la scuola: caso archiviato

Inni nazisti e video porno durante presentazione scolastica, attacco hacker

Ora a indagare è la polizia postale. Ci sarebbero, nei giorni scorsi, almeno altri due casi sempre in occasione di open day di scuole del Biellese, durante i quali giovanissimi alunni e genitori delle scuole elementari si mettono in contatto via web con le future scuole medie per decidere dove iscriversi l’anno prossimo.

Nessun docente è riuscito a cacciare dal collegamento Internet questi soggetti, per cui diversi bambini hanno ascoltato bestemmie e visto immagini pornografiche prima che i genitori intervenissero.

Oltre all’ultimo episodio di ieri, in una scuola di Biella, gli altri due sono avvenuti nei paesi di Pollone e di Valdengo. Sarà ora la polizia postale della questura di Biella a dover risalire agli autori di un gesto che ha colpito molto la comunità scolastica biellese. E gli investigatori dovranno anche capire se siano azioni compiute sempre dallo stesso gruppo o meno. Indignati e arrabbiati molti genitori, che hanno chiesto spiegazioni alle rispettive presidenze per capire cosa non abbia funzionato nei protocolli di sicurezza informatica tanto da permettere questo incidente.