Coronavirus, metro fuori controllo: altro che assembramenti da shopping

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:34

La situazione metro nella capitale alimenta dubbi e riflessioni. Come può succedere tutto ciò proprio in questo periodo?

Metro Roma
Metro caos Roma (Facebook)

La metropolitana, a Roma è nel caos. Immagini, testimonianze dirette, in alcuni casi anche video, evidenziano quanto sia fuori controllo, nelle ultime settimane la rete trasporti romana. Assembramenti su assembramenti, viaggiatori costretti a percorrere le tratte praticamente ammassati, in barba ad ogni misura, ad ogni vincolo, ad ogni regola imposta dei provvedimenti di chi governa. Ritardi ed disservizi vari, poi, fanno il resto.

Una situazione che spesso chi utilizza quotidianamente la metro denuncia giorno per giorno, ovviamente senza ottenere alcun risultato, in quanto la situazione in determinate stazioni, se non in quasi tutte, resta la stessa, per un problema di fatto strutturale che poco ha a che fare con la questione covid, ed in pratica nemmeno ci fa caso all’emergenza. Le condizioni del servizio, generali, sono talmente pessime, da non tenere conto dell’epidemia in atto.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Speranza sugli assembramenti: Non tutti nello stesso posto

LEGGI ANCHE >>> Roma, accesso limitato su bus e metropolitane: il piano della Capitale

Coronavirus, metro fuori controllo: La situazione è insostenibile ed estremamente rischiosa

La questione è stata trattata, nei giorni scorsi anche da Francesco Vaia, direttore sanitario dello Spallanzani, che ha sottolineato l’importanza del potenziamento dei trasporti: “Mettere in sicurezza la scuola e i trasporti deve essere ora l’obiettivo primario per evitare ad ogni costo che queste strutture possano trasformarsi in potenziali incubatori del virus, sono settori che vanno posti al centro delle nostre attenzioni in questa fase”.

Una situazione che a questo punto spaventa molto i cittadini, costretti dalla necessità a servirsi quotidianamente del servizio pubblico metropolitano. Un servizio ce purtroppo non offre ciò che dovrebbe e per di più lo fa in condizioni, sanitarie, che al momento non possono essere tollerate ed accettate.