Coronavirus, Galli critico: “L’estate ci è costata decine di miglia di morti”

Massimo Galli critico, come spesso accade con le decisioni del Governo in merito alla gestione dell’emergenza.

Massimo Galli
Massimo Galli estate allegra (Facebook)

Il primario del reparto di terapia intensiva dell’Ospedale Sacco di Milano, Massimo Galli, da sempre sostenitore della linea dura rispetto alla gestione dell’emergenza, ha parlato di quanto questa situazione sia figlia dell’estate allegra, senza alcuna restrizione vissuta qualche mese fa, un errore che non deve essere assolutamente compiuto di nuovo.

In merito all’attuale situazione, in prossimità delle festività natalizie, Galli si augura quindi che non ci sia una sorte di rompete le righe, anche se in questo caso abbastanza velato. Questa potenziale situazione potrebbe di fatto portarci ad una ben più grave fase in cui si pagheranno ancora una volta gli errori compiuti e la leggerezza di gestione.

LEGGI ANCHE >>> Stanco di consolare chi ha contagiato parenti: Galli se la prende con tutti

Coronavirus, Galli critico: “Le misure prese stanno dando risultati”

I dati che si riscontrano in questi giorni sono, secondo Galli, il frutto delle misure prese dal Governo, e questa è una ottima cosa, ma questo non vuol dire che il virus sia scomparso, si è sempre chiamati anzi, al rispetto delle regole anche adesso che la situazione sembra essere più semplice, anzi forse oggi ancora più di prima.

Una situazione che è migliorata ed anche di molto, ma che non consente leggerezze o atteggiamenti come folli, da qui il riferimento all’estate, con periodi lunghi di vacanza in certi casi che potrebbero davvero portare alle stesse situazioni. Si spera non vada allo stesso modo.