Coronavirus, “Chiudete Napoli, Roma e Milano”: l’allarme di Ricciardi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:44

La situazione sta per sfuggire di mano, il virus non aspetta, bisogna agire in fretta e prevenire quello che potrebbe essere un vero e proprio disastro.

coronavirus
Milano ai tempi del coronavirus (foto web)

Il virus avanza, ed il paese ancora una volta appare impreparato, quasi impaurito di fronte alla minaccia di una epidemia gigantesca, con contagi che minacciano un grandissimo numero di cittadini. Le tre grandi città italiane, sono sotto attacco, prese dalla seconda ondata di Covid19, aspetta, inaspettata, la realtà è questa, troppi contagi, tante misure prese, attesa per cercare di capire se tutto questo possa bastare.

Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute, Roberto Speranza, nonchè professore di Igiene generale e applicata all’Università Cattolica, lancia il suo personalissimo allarme. La situazione rischia di andare presto fuori controllo e quindi si deve agire con misure chiare, nette e drastiche, che portino a risultati immediati. Situazioni che ancora una volta chiedono il sacrificio di milioni di cittadini italiani.

LEGG ANCHE >>> Il ministro Speranza: non vogliamo il lockdown, ma vi chiediamo una cosa

Coronavirus, “Chiudete Napoli, Roma e Milano”: l’allarme di Ricciardi, fermiamo tutto

Ricciardi auspica una chiusura totale, nelle tre grandi città della mobilità, per andare verso un numero di contatti tra le persone molto ridotto, che consenta di fatto di ridurre allo stesso tempo in maniera considerevole il numero dei contagi. Tale numero, nelle tre regioni di cui si parla, Lombardia, Campania e Lazio, ha raggiunto un peso tale da intimorire seriamente istituzioni e soprattutto gli stessi cittadini, che tornano con la mente all’incubo di Marzo.

Le tre regioni partiranno nel prossimo fine settimana con la misura del coprifuoco, che da una certa ora della sera, vieterà ogni spostamento sul territorio di competenza, salvo avere validi motivi. La situazione è dunque questa, si vuole scongiurare il lockdown, ma per fare ciò occorre l’ennesimo condiviso sacrificio.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus 20 ottobre, 89 morti e nessuno lo ammette: vicini al lockdown