Un boato e le fiamme alte verso il cielo: inferno sulla superstrada (VIDEO)

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:14

Un incendio di vaste proporzioni è scoppiato alle prime ore del 6 novembre sulla superstrada Fi-Pi-Li in direzione Firenze.

Un’apocalisse, un inferno di fuoco che per molto tempo ha lasciato tutti con il fiato sospeso e ha impegnato decine di Vigili del Fuoco. La superstrada Firenze-Pisa-Livorno è rimasta ferma quasi tutta la mattinata con la gente prima chiusa nelle auto, poi fuori a guardare quella enorme nuvola di fuoco e fumo che si levava verso il cielo. Il miracolo è che nessuno si è fatto del male, neppure il guidatore di un camion cisterna che ha scatenato l’inferno dopo che il mezzo si è schiantato contro il new jersey che divide le carreggiate.

L’incidente è avvenuto in direzione nord, verso Firenze, ma la cisterna ha invaso anche la carreggiata opposta, quella che porta verso il mare. Alle 6.30 circa di questa mattina, il traffico era già molto sostenuto, ecco perché la polizia parla di miracolo che non ci siano stati feriti o morti.

L’incidente si è verificato, per essere precisi, tra San Miniato e Empoli. La polizia stradale di Firenze, con il dirigente Antonio Adornato, ha ricostruito per La Nazione, quei minuti d’inferno.

LEGGI ANCHE >>> Roma, ancora tragedia alla stazione: incidente o suicidio?

Un boato e le fiamme alte verso il cielo: nessun ferito, un miracolo

L’autista del camion, secondo una prima ricostruzione della polizia stradale, avrebbe in qualche modo perso il controllo del mezzo, che ha perso la cisterna. Non passavano veicoli in quel momento, per fortuna. Sei le pattuglie della polstrada di Pisa e Firenze intervenute sul luogo dell’incidente. Quattro le squadre dei vigili del fuoco. Si è alzato in volo anche l’elicottero della stradale.

La superstrada è ripartita, sono infatti terminate le operazioni dei Vigili del Fuoco in FI-PI-LI. La strada è sgombra in entrambe le direzioni. Sono in corso le operazioni di ripristino da parte del Gestore (AVR).

Il video dell’incendio

LEGGI ANCHE >>> Massimiliano Morra vivo per miracolo, il terribile incidente