Ragusa, un lamento dal bidone della spazzatura: la drammatica scoperta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:38

Un uomo mentre passeggiava per strada ha sentito un pianto proveniente dai cassonetti. Pensando che si trattasse di un cucciolo apre il secchione ma all’interno trova un neonato 

Neonato
Fonte Pixabay

“Come si fa” è la frase tipica che esclama la gente di fronte ad avvenimenti simili. Eppure purtroppo è così, di tanto in tanto capita che degli innocenti neonati in fasce vengano riposti in bidoni dell’immondizia.

Stavolta è successo a Ragusa dove un passante ha trovato un bimbo in fasce in un cassonetto. Ad attirare la sua attenzione è stato un lamento che sembrava riconducibile a quello di un animale. Poi la clamorosa scoperta.

Sparso tra i rifiuti c’era un sacchetto contenente un neonato in fasce con il cordone ombelicale ancora attaccato. Naturalmente è stato portato immediatamente in ospedale per i controlli del caso. Successivamente è stato posto in terapia intensiva neonatale, ma le sue condizioni sono decisamente rassicuranti.

LEGGI ANCHE >>> Dichiarato morto, neonato messo in cella frigorifera: poi si sente un pianto

Neonato trovato in un sacchetto dell’immondizia: le indagini

Una questione che va assolutamente approfondita vista la sua gravità. Le ricerche si sono focalizzate nel quartiere dove è avvenuto il ritrovamento. Non è da escludere però che il parto possa essere avvenuto altrove e che per sviare le indagini investigative il piccolo malcapitato sia stato “gettato” in zona diversa.

In attesa di comprendere maggiori dettagli su questa incresciosa situazione e di risalire ai genitori del bambino, il fascicolo è stato trasferito al Tribunale dei Minori. Quest’ultimo avrà anche il compito di prendersi cura del neonato, a cui bisognerà trovare una famiglia in grado di dargli l’affetto che merita.

Una situazione analoga si era verificata qualche mese fa in provincia di Salerno dove un bambino ancora in fasce era stato lasciato tra le aiuole. 

LEGGI ANCHE >>> Verona, abbandonano neonato di notte in strada, al freddo: “Non abbiamo soldi”