Coronavirus 26 ottobre: novità importante ma ormai è scontro sociale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:10

Il nuovo provvedimento del Governo Conte, ha prodotto moltissimi dubbi ed aspre critiche nell’opinione pubblica e non solo, i cittadini ed alcuni settori restano profondamente colpiti.

I numeri del contagio calano, l’andamento del virus resta costante praticamente ovunque e non si comprende bene quando il fattore possa invertirsi. Le regioni registrano picchi impensabili nelle settimane precedenti, e questo obbliga i governanti, locali e nazionali a riconsiderare le modalità di intervento in tutta la loro complessità. La confusione tra ciò che si decreta a livello regionale e poi nazionale è ormai alle stelle.

L’ultimo dpcm, ufficializzato nella giornata di ieri dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, di fatto è da considerarsi un mini lockdown, cosi come suggerito da numerose testate. Le misure che riguardano di fatto la vita quotidiana dei cittadini italiani, salvo scontrarsi con quelle già varate a livello regionale, andranno a colpire, cosi come ci si aspettava, il settore della ristorazione, della cultura e dello spettacolo.

Coronavirus bollettino del 26 ottobre: tutti i dati dei contagi

17.012 nuovi contagi (con 124.686 tamponi effettuati), 141 i morti

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, in Italia possibile farmaco a marzo : Anticorpo multiuso

Coronavirus 26 ottobre, i dubbi riguardanti il nuovo dpcm, la confusione tra istituzioni

A Napoli, a Roma, a Milano,  ed in tante altre città del nostro paese, monta la protesta contro le ultime decisione delle istituzioni, locali e nazionali. Certe misure spaventano i cittadini ed i piccoli imprenditori, convinti che una nuova chiusura forzata potrebbe compromettere irrimediabilmente le proprie attività commerciali. Protestano gli imprenditori ed i commercianti dunque, e protestano i cittadini, stanchi delle restrizioni e delle conseguenze che possono derivarne.

Le misure restrittive cominciano probabilmente a stancare i cittadini e ad infastidire le categorie più colpite da tali provvedimenti, pensiamo a quelle dello spettacolo. Categorie, di fatto messe in ginocchio dall’epidemia e dai relativi provvedimenti adottati dalle istituzioni. Si cerca una nuova via d’uscita, in vista probabilmente di una nuova fase, in attesa che i numeri calino.

LEGGI ANCHE >>> Dpcm, la sfida delle palestre: noi restiamo aperti, con le buone o con le cattive