Infermieri stremati dal Covid: “Usiamo il pannolone, non possiamo andare in bagno”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:40

Gli infermieri di alcuni ospedali sardi lanciano l’allarme sulle loro condizioni lavorative nell’ultimo periodo. A denunciare l’accaduto il noto sindacato Nursind.

Il nuovo aumento di contagi di coronavirus sta facendo rivivere momenti drammatici agli ospedali e a medici e infermieri. Ed è arrivata una denuncia dorte degli infermieri di diversi ospedali della Sardegna, dove la carenza di personale si sta facendo sentire in maniera evidente.

In molti sono praticamente costretti a portarsi i dispositivi di protezione da casa. Alcuni non hanno più il tempo di fare una pausa per mangiare un boccone o sorseggiare un bicchiere d’acqua. La cosa ancor più grave è che non riescono nemmeno più ad andare in bagno visto che per poterci andare devono scendere diversi piani e non hanno nemmeno la sicurezza che i sanitari siano igienizzati.

Per questo, in tanti si sono attrezzati con il pannolone, almeno quelli del reparto Malattie infettive dell’Ospedale San Francesco di Nuoro. Può sembrare grottesco ed invece è una triste realtà che la dice lunga su come il sistema sanitario nazionale presenti diverse falle, rese ancor più evidenti dallo stato di emergenza.

LEGGI ANCHE >>> Sta male, il pronto soccorso lo lascia fuori in auto: muore tra le urla della moglie

Infermieri allo stremo per via del covid: “Presenteremo un esposto in Procura”

A denunciare questo increscioso caso è sto il sindacato Nursind, che tutela la professione infermieristica. Diverse le testimonianze degli operatori socio-sanitari arrivati ormai allo stremo: “Non si può lavorare così, lo stiamo segnalando da settimane” – hanno esclamato Annarita Ginesu e Mauro Pintore.

Per questo sono pronti a presentare un esposto in Procura vista la mancanza di ricambio del personale, di spazi adeguati e di organizzazione. In tutta l’isola sono molteplici le strutture che stanno “lavorando” in queste condizioni, che di umano hanno davvero ben poco. Basterà il coprifuoco notturno per abbattere la curva dei contagi e permettere anche ai medici di avere tregua?

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus 23 ottobre: ventimila contagi! La Campania annuncia il lockdown