Coronavirus, Roma dice stop alla movida: nel weekend tutti a casa alle 21

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:49

La regione Lazio chiude a tutti a partire da domani tra le 24 e le 5 del mattino, la Raggi per Roma fa ancora di più.

stop movida dalle 21

Trenta giorni di coprifuoco in tutto il Lazio a partire da venerdì 23 ottobre. Lo stop è dalle 24 alle 5. Il governatore Nicola Zingaretti ha già firmato la stessa ordinanza che avevano preso poche ore prima Lombardia e Campania. Si potrà uscire soltanto per motivi di lavoro o di urgenza, come nel primo lockdown e le comprovate esigenze dovranno essere documentate sul nuovo modello di autocertificazione.

Un coprifuoco in piena regola, anche se il termine è forte e non piace. Neesuno che non ne abbia i requisiti documentati e controllati, potrà dunque spostarsi di casa nelle cinque ore notturne e i locali dovranno chiudere entro la mezzanotte.

Ma per il fine settimana, Roma sarà ancora più sacrificata: lo ha deciso oggi la sindaca Virginia Raggi.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, Chiudete Napoli, Roma e Milano: l’allarme di Ricciardi

Coronavirus, Roma dice stop alla movida: l’ordinanza della sindaca Raggi

Dunque la sindaca capitolina decide di andare oltre le misure regionali e decide di testa sua – come previsto dal nuovo dpcm in materia di sindaci e ordinanze – di chiudere alla movida romana a partire dalle 21. Di fatto, almeno nelle seguenti zone: Campo de’ Fiori, piazza Trilussa a Trastevere, piazza Madonna de’ Monti, via del Pigneto e via Pesaro, il coprifuoco nel fine settimana (venerdì e sabato) diventa di 8 ore e non cinque.

Le suddette zone sono tra quelle più frequentate dai giovani romani, a questo punto bisognerà capire se la limitazione porterà il popolo della movida altrove, oltre le zone interdette. Anche in questo caso vale la regola tanto cara al premier Conte: responsabilità.

La regione Lazio ha infine deciso di allestire nuovi posti letto per i Covid per arrivare a un totale di 2913 e 552 in terapia intensiva.

LEGGI ANCHE >>> Coronavirus, sempre più decessi: chiudono tutti, ormai è panico