Tira un violento calcio ad un gatto e poi lo pubblica su TikTok: video shock

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00

Le immagini agghiaccianti del filmato mostrano un ragazzo che dà un calcio ad un gatto facendolo volare per alcuni metri

Gatto

La violenza alle volte può arrivare a livelli eclatanti. Una vera e propria follia ingiustificabile, che decreta ancora una volta il fallimento parziale della nostra società. Nel quartiere Cittadella di Casoria in provincia di Napoli, alcuni ragazzi hanno girato un video osceno, che lascia di sasso per quanto è cruento.

Hanno ripreso un loro coetaneo che si “divertiva” a tirare un calcio ad un gatto. Un gesto efferato che ha fatto volare il felino su una parete, dopo di che le immagini si interrompono (meno male verrebbe da dire). Per non farsi mancare nulla i vandali hanno pubblicato il video su TikTok e in pochissimo tempo è diventato virale, creando il comprensibile sdegno della maggior parte degli utenti, decisamente addolorati alla visione di un atto così assurdo.

LEGGI ANCHE >>> Perugia, trova il proprio gatto decapitato e senza coda davanti casa

Video gatto scalciato, cittadini di Casoria in coro: “Se lo riconoscete denunciatelo”

L’intera comunità casoriana attonita di fronte a tutto ciò non è rimasta a guardare. In tanti si stanno attivando per cercare i colpevoli e tra i vari commenti spicca in particolare quello di una donna: “Se qualcuno lo riconosce, mi contatti o contatti la sua famiglia. Io lo denuncio perché per loro è divertimento, ma per me e quella povera bestia è dolore”.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli, che ha dichiarato di aver intrapreso le ricerche dell’autore di quella che può essere definita tranquillamente come una vera e propria vigliaccata.

Un 2020 nefasto per gli amici felini, che hanno subito diverse angherie. Su tutte va menzionata quella accaduta nel livornese, dove un migrante ha “arrostito” un gatto in strada e lo ha mangiato. Roba da lasciare senza parole. Scusate gatti e animali in generale, non vi meritiamo.

LEGGI ANCHE >>> Dopo il gatto, la pecora: migranti la macellano in centro accoglienza