Cambiano i decreti sicurezza, Bellanova: “fuori Salvini, proteggiamo i clandestini”

Salvini cancellato, si lavora ai nuovi decreti sicurezza. Importanti novità anche da parte del ministro della Giustizia, Bonafede.

bellanova salvini, foto web

I decreti voluti dall’allora ministro dell’Interno, Matteo Salvini, verranno spazzati via dalle nuove norme che da ieri il governo sta studiando e approvando – i lavori erano iniziati già a luglio con la ‘spinta’ del ministro Lamorgese – per potere aprire una nuova pagina in materia di immigrazione, giustizia e sicurezza. Quasi tutti i ministri coinvolti si scagliano contro il leader della Lega: anche quelli che avevano firmato con lui i decreti del governo gialloverde.

Le modifiche ai decreti sono state fortemente volute dal Pd e gli altri partiti di governo hanno seguito a ruota: riduzione delle multe alle Ong e il ritorno della protezione umanitaria le norme votate per prime.

“Abbiamo messo fine alla pagine buia dei decreti in-sicurezza di Salvini”, ha commentato il ministro Teresa Bellanova. Passano dunque le norme che superano le sanzioni milionarie alle Ong e riformano il sistema dell’accoglienza.

Cambiano i decreti sicurezza: il sistema d’accoglienza e integrazione

bellanova renzi

In materia di sicurezza, nasce il “Sistema di accoglienza e integrazione”. Cosa succede: le attività di primo soccorso e assistenza continueranno a essere svolte nei centri governativi ordinari e straordinari. Poi, due livelli di valutazione: il primo sui richiedenti protezione internazionale, il secondo a coloro che ne sono già titolari, con servizi aggiuntivi finalizzati all’integrazione.

Tra i più felici delle nuove norme spazza Salvini, c’è la ministra delle Politiche agricole, Teresa Bellanova. Le decisioni di Salvini avevano rigettato nell’ombra e nell’invisibilità migliaia di uomini e donne trasformati da una norma sbagliata e malvagia in clandestini e privati […]

Abbiamo mantenuto l’impegno preso subito dopo la nascita di questo governo e tenuto fede a principi per noi assolutamente fondanti. Reintrodurre la protezione umanitaria, ripristinare il sistema di accoglienza diffusa, rendere più semplici le procedure per accedere alla cittadinanza, riaffermare i principi su cui si fonda il Codice di navigazione”.

Anche il vicesegretario del Pd, Andrea Orlando, esulta. “I decreti insicurezza di Salvini vanno in soffitta. Il Pd ripristina la civiltà e lo stato di diritto. Si cancella una vergogna e si riorganizza l’accoglienza per promuovere l’integrazione e garantire la sicurezza per tutti”.

In materia di Giustizia, su proposta del ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, viene introdotto il reato penale per chi introduce in carcere un cellulare a un detenuto. La pena va da uno a quattro anni sia per chi lo introduce sia per chi lo riceve. Con Salvini, il reato era inteso come illecito disciplinare sanzionato all’interno del carcere.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità - 104 e news