Roma, rapinavano anziani alla fermata del bus, arrestati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:30

La dinamica sempre la stessa, la banda sceglieva la vittima, la accerchiava e poi si concentrava sul bottino da portare via.

Autobus Roma
Autobus Roma (Facebook)

Gli arresti ad operazione conclusa sono stati complessivamente cinque, tutti per furto aggravato. Tra gli arrestati un marocchino di 41 anni, un kosovaro di 59, un ucraino di 44 anni, un algerino di 48 ed un altro marocchino per un episodio isolato di 48 anni. Le dinamiche molto simili, si individuava la persona da derubare alla fermata dell’autobus e poi si passava all’azione, singolarmente o in gruppo.

Le povere vittime, indifese, per paura sottostavano alle minacce dei rapinatori. In autobus la dinamica poteva variare a seconda delle esigenze. Spesso si circondava la vittima mentre un complice rovistava nelle sue cose, per cercare di trovare qualcosa che valesse la pensa di rubare. Possiamo solo immaginare il terrore delle persone derubate, accerchiate da sconosciuti senza poter ribellarsi.

Roma, rapinatori anziani, le indagini

Anziani
Anziani (Facebook)

I carabinieri della Stazione Roma San Pietro, notando i movimenti sugli autobus sono intervenuti fermando i malviventi, potendo appurare inoltre che uno degli arrestati era inoltre sottoposto al regime di arresti domiciliari. Quindi ulteriore aggravante per il giudizio complessivo. Gli altri arrestati sono stati fermati con in possesso capi di abbigliamento rubati in un negozio in un caso, il negoziante aveva allertato le forze dell’ordine. L’altro furto era invece avvenuto al Forum Termini, come detto sempre capi d’abbigliamento.

La città non vive il suo miglior periodo in quanto a sicurezza. Per fortuna le forze dell’ordine molte volte riescono ad intervenire per tempo ed evitare quindi che altri reati o comunque aggressioni di ogni tipo possano compiersi. La città negli ultimi giorni è passata alle cronache anche per i fatti poco piacevoli di Ladispoli, con un ragazzo che perde un occhio per un contrasto con due fratelli, la colpa del ragazzo era quella di non aver invitato i due ad una festa.

Non è il massimo della sicurezza la città di questi tempi, e ci si augura tempi migliori per la città, che vive moltissimi disagi, ma è anche vero che episodi di violenze o aggressioni, il furto può esserne un caso ci sono ovunque, e purtroppo con sempre più frequenza.