Renato Zero e Mia Martini, conoscete la storia della loro grande amicizia?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:10

Divennero molto amici quando non erano così famosi: le storie di Renato Zero, Mia Martini e Loredana Berté si sono incrociate

Renato Zero e Mia Martini, conoscete la storia della loro grande amicizia?
Renato Zero (Fonte foto: Getty Images)

Il 30 settembre 2020, il grandissimo artista italiano, Renato Zero (pseudonimo di Renato Fiacchini) compirà 70 anni di età. Di questi, almeno cinquanta sono da considerarsi di carriera, con lo sviluppo e la conseguente conoscenza a livello nazionale, del suo personaggio.

Tra i tanti artisti che in tutti questi anni hanno avuto collaborazioni ed anche amicizie con Zero, c’è anche la compianta Mia Martini, che oggi di anni ne avrebbe 73, ma che morì nel 1995, in circostanze ancora del tutto non chiare.

Renato Zero e l’amicizia con Mia Martini nata a Roma

Mia Martini (Fonte foto: web)

Mia Martini e sua sorella, Loredana Berté, si erano trasferite da poco a Roma per motivi artistici, quando in un conosciuto locale capitolino chiamato Piper, conobbero Renato Fiacchini, di lì a poco, Renato Zero. Da poco, sembra essere finita proprio l’amicizia tra Zero e la Berté, che allora iniziò a lavorare al Piper da ballerina.

Nel film dedicato a Mia Martini, “Io sono Mia”, l’incontro con il giovane Zero viene riprodotto, con tanto di Fiat 600 che, terminata la benzina, si ferma per le strade di Roma con i due a bordo. Questo, è un aneddoto realmente raccontato dal cantautore romano. Nel film, il personaggio di Zero viene chiamato Anthony.

Quando Mia Martini morì, i medici dichiararono che la causa fu un arresto cardiaco dovuto ad overdose di stupefacenti. Renato Zero, molto amico della cantante, spiegò alla stampa che la Martini aveva un fibroma all’utero ed assumeva farmaci anticoagulanti e cortisone, con l’intenzione di rimandare un possibile intervento. Lo stesso Zero, come riportato in un articolo di Marco Liberti, dichiarò: “Doveva debuttare il giorno dopo ed era contenta. Il padre ha avuto troppa fretta di far cremare il suo corpo. Poteva chiedere una perizia di parte, invece di lasciare le conclusioni ad un medico legale in cerca di notorietà“.

Sono passati venticinque anni, da quella sfortunata notte che portò via al Paese, una delle più grandi cantanti degli ultimi anni, eppure, ancora sembra esserci qualcosa di irrisolto sulla sua morte. Renato Zero, ha però detto qualcosa che fa riflettere molto.