Federico Fashion Style, multa da mille euro: cosa è successo?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:13

Un risveglio molto amaro per Federico Lauri, aka Federico Fashion Style, il noto parrucchiere dei vip ha ricevuto una multa estremamente salata.

Federico Fashion Style
Federico Fashion Style | Fonte Foto Instagram

Un bel colpo per Federico Lauri, dopo l’esposto del Codacons, è arrivata una multa decisamente salata per il parrucchiere delle star. Tra le clienti annovera infatti Valeria Marini, madrina di battesimo di sua figlia Sophie, Gulia De Lellis e molte altre ancora.

L’indagine era iniziata nelle settimane scorse e dopo alcuni accertamenti del comando di Polizia Locale di Roma Capitale, al quale era stata inviato l’esposto.

Terminate le indagini è stato notificato l’esito al noto harstilist, che dovrà ora pagare una multa di 1000 euro. Ma cosa è successo e perché si è messa in modo la macchina investigativa?

Multa a Federico Fashion Style: l’ha fatta grossa

Dopo aver dovuto affrontare il Covid-19, una malattia che ha colpito lui, la sua compagna e la loro bambina di tre anni, ora per Federico Lauri è tempo di fare i conti con il Codacons. Sembra proprio che la multa di 1000 euro arrivata a Federico Fashion Style sia dovuta a una scarsa trasparenza sul listino prezzi.

La sanzione amministrativa è arrivata dopo che nelle scorse settimane, il Codacons aveva presentato un esposto al Comando di Polizia Locale di Roma Capitale. L’indagine richiedeva accertamenti in merito ai prezzi praticati al pubblico presso i saloni di Lauri di Milano, Anzio e Roma.

Ecco quanto si legge nella richiesta del Codacons: “Attivarsi tempestivamente per adottare tutti gli atti necessari alla verifica dello stato dei luoghi in ogni esercizio commerciale facente capo al sig. Federico Lauri.”

I vigili sono stati chiamati ad accertarsi se nei saloni venivano rispettati gli obblighi informativi e di trasparenza. Gli agenti hanno dovuto poi accertarsi se, al momento dei vari trattamenti, il consumatore riceveva un preventivo sul costo totale del servizio.

A seguito di accertamenti, presso il salone situato all’interno della Rinascente in via del Tritone, si è rilevata una scarsa trasparenza nell’indicazioni dei prezzi al pubblico. Da qui la decisione di elevare una sanzione amministrativa nei confronti dell’esercizio.

Ecco quanto si legge in una nota: “Per quanto riguarda la pubblicità dei prezzi, sia quelli indicati sul listino posto sul bancone, sia quelli indicati su internet, appare poco chiara.- viene infatti spiegato quanto segue –  in quanto su tutte le prestazioni viene riportata la dicitura “DA”; motivo per cui si è provveduto a sanzionare si sensi di legge.”