Tragedia a Lecce: uccisi a coltellate l’arbitro De Santis e la compagna

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:59

Doppio omicidio a Lecce. Uccisi nell’appartamento in cui vivevano l’arbitro Daniele De Santis e la compagna Eleonora Manta.

eleonora manta e daniele de santis

Gli inquirenti parlano di delitto passionale: una questione tra l’assassino e Daniele De Santis. Di mezzo c’è la compagna di quest’ultimo, Eleonora Manta. Sono stati trovati entrambi morti nel condominio dove abitava l’arbitro leccese di 30 anni.

L’omicida è stato visto fuggire dai vicini: giurano di averlo visto con un grosso coltello in mano, con molte probabilità la stessa arma con la quale ha ucciso i due giovani, poco prima. E’ successo in un palazzo tra via Gallipoli e via Montello, a Lecce. Secondo le prime testimonianze, in casa di De Santis ci sarebbe stata una furiosa lite. Prima le urla, poi il silenzio totale e un uomo che scappa.

Tragedia a Lecce: uccisi a coltellate l’arbitro De Santis e la compagna: chi era Daniele De Santis

il palazzo dove si è consumato il delitto

Daniele De Santis, da non confondere con il più famoso Massimo De Santis, ex arbitro di serie A, aveva 30 anni e aveva arbitrato in serie B e C. Era nato a Lecce. Era molto conosciuto in città e la notizia della sua morte ha sconvolto non solo i parenti ma anche tanti amici ed estimatori.

Era nella sua casa con la compagna Eleonora quando si è presentato l’uomo che poi li ha assassinati. Come detto, sembra che ci sia stata una violenta lite nell’appartamento, lo riporta anche il ‘Quotidiano di Puglia‘, poi il dramma improvviso e inaspettato.

I sanitari che sono arrivati nell’appartamento, hanno trovato i due giovani già morti. Le forze dell’ordine hanno setacciato tutta la zona e organizzato posti di blocco in città ma per ora del fuggitivo nessuna traccia. Si indaga sul movente passionale, gli investigatori risaliranno agli ultimi giorni di vita delle due vittime e contano di trovare al più presto l’assassino che potrebbe avere avvisato Daniele e Eleonora della sua visita.

Solo ieri, nel giorno dello spoglio dopo l’election day, l’Italia era stata sconvolta dall’uccisione di un bambino di soli 11 anni ad opera del padre che subito dopo si è tolto la vita. Poi, in serata, la notizia del dramma a Lecce.