Matera, turiste minorenni stuprate in villa dal branco: quattro arresti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:23

Matera. Dopo la denuncia di due turiste minorenni, sono state arrestate quattro persone con l’accusa di violenza sessuale.

Prima aggredite e picchiate, poi stuprate. A ripetizione, da più persone. Una violenza becera compiuta probabilmente da un piccolo branco di amici che si erano ritrovati con le due ragazze ad una festa privata in una villa del Materano, a Marconia, frazione di Pisticci.

Le ragazze violentate sono due turiste inglesi. L’unico dubbio legato alle indagini resta quello sul luogo della violenza: potrebbe anche essere successo lontano dalla villa che ospitava la festa: il branco potrebbe avere seguito le due minorenni.

Gli inquirenti hanno fin da subito mantenuto il più stretto riserbo sulle indagini, ma ora sono arrivati ad una svolta: La Polizia, infatti, sta eseguendo quattro arresti con la grave accusa di violenza sessuale. L’indagine è coordinata dalla Procura della Repubblica di Matera.

Le indagini lampo, hanno portato all’adozione delle misure cautelari in carcere per quattro uomini, sottolineando “la brutalità, la gravità ed efferatezza delle violenze commesse con modalità subdole, che avrebbero potuto essere reiterate nei confronti di altre donne” – scrive la Procura di Matera.

Matera, turiste minorenni stuprate in villa: ragazze ancora sotto choc

Le turiste inglesi, dopo l’aggressione e lo stupro, sono poi tornate nella casa di villeggiatura che le ospita in Basilicata, e da lì hanno chiamato i soccorsi. La violenza sulle ragazze è stata subito confermata dai sanitari arrivati a casa delle due, tanto che hanno deciso di portare entrambe all’ospedale Madonna delle Grazie di Matera. Le ragazzesono ancora sotto choc, non riescono a dimenticare.

La notizia di ciò che è accaduto è arrivata in poco tempo in tutta la comunità ionica, e qualcuno pare sapesse qualcosa in più di quello che già si conosce. La villa degli orrori sarà controllata così come le telecamere di sorveglianza presenti nella zona e nelle strade adiacenti, per capire se altre persone sono coinvolte nellaviolenza di gruppo.

LEGGI ANCHE -> Zangrillo: Berlusconi a marzo sarebbe morto si potevano salvare quasi tutti

LEGGI ANCHE -> Non c’è pace per il piccolo Evan, indagato il padre naturale: Lo picchiava già lui