Massimo Giletti minacciato dal boss: sotto scorta da due settimane

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:49

Massimo Giletti minacciato da Graviano, sotto scorta da due settimane. Ora chiede al ministro Bonafede: “Perché soltanto adesso?”.

Massimo Giletti minacciato dal boss: sotto scorta da due settimane
massimo giletti foto la7

Forse non tutti lo sanno, anche perchè certe notizie preferiscono non darle per motivi di sicurezza, ma Massimo Giletti è costretto a vicere sotto scorta dei carabinieri da almeno due settimane.

Le sue inchieste a Non è l’Arena hanno indispettito i boss mafiosi e al conduttore sarebbero arrivate minacce gravi da Filippo Graviano, soggetto di spicco in Cosa Nostra. 

Un provvedimento, quello adottato dalla ministra Luciana Lamorgese, che è stato reso necessario dopo che il giornalista è stato minacciato dal boss. Sono molto dispiaciuto e non posso dire molto. È obbligatorio, non posso sottrarmi”, ha dichiarato al Corriere della Sera il conduttore di Non è l’Arena.

Giletti, tuttavia, non ha evitato la polemica: “Solo noto che questo provvedimento della scorta arriva dopo che un quotidiano nazionale ha riportato le parole del libro di Lirio Abate. Perché hanno preso questo provvedimento solo dopo che la notizia è stata pubblicata da un giornale?”.

Giletti si riferisce al libro del vicedirettore dell’Espresso, che rivela l’intercettazione dello scorso 11 maggio in cui Graviano si esprimeva così su Giletti e sul magistrato Nino Di Matteo, direttamente dal carcere di massima sicurezza: “Il ministro fa il lavoro suo e loro rompono il c***”.

La ‘colpa’ del giornalista è quella di aver fatto scrupolosamente il proprio lavoro, dedicando diverse puntate al provvedimento che aveva mandato a casa oltre 300 boss mafiosi a causa dell’emergenza coronavirus.

Massimo Giletti, minacciato dal boss è sotto scorta: “grave averlo saputo in ritardo”

Massimo Giletti a Non è l'Arena
Massimo Giletti a “Non è l’Arena” (foto Instagram)
“Prendo atto che mi abbia chiamato il ministro della Giustizia Bonafede e sono contento che lo abbia fatto, ma ribadisco che forse avrei dovuto sapere prima delle minacce del boss Graviano nei miei confronti. Mi sarebbe piaciuto non apprenderlo da un giornale ma che qualcuno mi chiamasse per dirmelo…”.

Lo ha Massimo Giletti, poco dopo la telefonata del Guardasigilli Alfonso Bonafede, in seguito alla notizia uscita su La Repubblica delle minacce che gli sono state rivolte dal boss mafioso Filippo Graviano dal carcere in cui è detenuto.

“Avrei voluto saperlo prima che uscissero queste gravi notizie – dice ancora Giletti – Le istituzioni lo sapevano da maggio ma non sono stato avvertito. Apprezzo la telefonata di Bonafede, certo, ma il mio rammarico è che l’ho appreso oggi da un giornale e francamente non è il massimo, vista la delicatezza della questione”.