Famiglia senza lavoro sfrattata, la figlia disperata: “Mangiamo solo uova”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:41

Lo sconfortato appello di una ragazza catanese che con la sua famiglia sta attraversando un momento di grande difficoltà economica

Famiglia senza lavoro
Fonte Pixabay

Una storia come tante, ma che in questa fase post lockdown fa ancora più eco. Alessia (nome di fantasia) originaria di Catania ha raccontato le vicissitudini della sua famiglia in seguito alla perdita di lavoro del padre. L’azienda per cui lavorava è fallita per bancarotta e da allora sono iniziati seri problemi.

Oltre a non riuscire a sopperire alle spese per i beni di prima necessità, non riescono a far fronte nemmeno ai costi per il mantenimento della loro abitazione. Motivo per cui vengono  sfrattati. Attualmente risiedono da alcuni parenti e non hanno beneficiato di nessun bonus, nemmeno quello per la spesa e per questo motivo la ragazza ha dichiarato che di fatto lei e i suoi familiari mangiano solo uova e poco altro.

In realtà la richiesta era stata accolta, ma nella lista la sua famiglia risultava come “Idonei non beneficiari”. Una sorta di ritenta, andrà meglio alla prossima. Certo in tutta la città sono state accolte appena 6mila domanda in tal seno a fronte delle 16mila presentate.

La triste storia della famiglia di Alessia

Catania
Fonte Pixabay

Oltre al disagio che sono costretti a vivere, anche la beffa di essere stati praticamente abbandonati dalle istituzioni. Un ulteriore colpo da incassare dopo una vita ricca di sacrifici e rinunce. 

Il racconto della giovane catanese prosegue con dei particolari struggenti, come il non avere mai visto il frigo pieno, non essersi mai concessa un pomeriggio di shopping, i continui slacci delle utenze e le docce con acqua fredda.

Adesso non chiede nient’altro che un lavoro per suo padre. Un modo per guadagnare la dignità sottratta, riprendere in mano la propria esistenza e per poter guardare serenamente il futuro. Non si tratta di una pretesa, ma di un sacrosanto diritto. Anche Alessia merita di vivere la “normalità”, come avere un tetto sulla testa e poter mangiare qualcosa di diverso dalle uova.

LEGGI ANCHE >>> Ultimo bacio fidanzato prima che venga staccato il respiratore

LEGGI ANCHE >>> Spiagge e montagna: luoghi sicuri dove trascorrere le vacanze