Assunzione giovani under 35: bonus e novità INPS

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:40

L’INPS rende noti i vantaggi fiscali per le aziende che si interessano di ampliare il proprio organico con giovani di età al di sotto dei 35 anni

Reddito di cittadinanza 2020: come funziona, novità e requisiti ISEE
Fonte foto: (Pixabay)

Assumere giovani è per vari motivi, interesse anche delle stesse aziende, oltre che del movimento lavorativo in sé. Le aziende che si interessano di assumere under 35, possono tra l’altro, avvantaggiarsi con diversi bonus, aumentando il loro interesse quindi, verso le nuove leve.

L’INPS ha diramato da poco una nota dove specifica quali saranno le agevolazioni con i nuovi contratti di lavoro con vantaggi fiscali per le aziende che assumono under 35. Da conoscere, anche i requisiti che essi dovranno soddisfare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: CONTRATTO DI LOCAZIONE: CHI PAGA E QUANTO COSTA LA REGISTRAZIONE

Comunicazione INPS per le aziende che assumono Under 35

Reddito di cittadinanza 2020: come funziona, novità e requisiti ISEE
Fonte foto: (Pixabay)

L’INPS, ha fatto sapere tramite la circolare n.57 del 28 aprile 2020, che ci sono importanti novità per chi assumerà giovani under 35. In tale nota, sono anche sottolineate le modalità di fruizione dell’incentivo fiscale che seguono le modifiche apportate alla legge 205/2017. Meta di tale manovra è logicamente l’incremento di assuzione dei giovani all’interno di aziende e la concessione ai datori di lavoro vantaggi fiscali sul nuovo impiego concesso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: LEGGE 104: QUALI SONO LE PATOLOGIE PER CUI È POSSIBILE RICHIEDERLA?

Ed allora scopriamo cosa potrebbe fare da incentivo per le aziende, al momento di ritenere opportuno assumere di giovani al di sotto dei 35 anni di età assunti tramite contratto di lavoro dipendente, sia a tempo pieno che part-time, indeterminato. Nei primi tre anni di impiego, le aziende avranno diritto ad uno sgravio contributivo riguardo i costi dell’assunzione e il 50% di riduzione dei contributi dovuti dal datore entro il limite di 3.000 euro annui, con la condizione che il giovane assunto non abbia mai sottroscritto contratti a tempo indeterminato con lo stesso datore e, naturalmente, non abbia ancora raggiunto i 35 anni di età.

Lo sgravio per i datori sale al 100% per 36 mesi sempre se i giovani hanno svolto, nei sei mesi precedenti, un apprendistato presso l’azienda.