Coronavirus, dagli USA: pandemia potrebbe durare altri 18-24 mesi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:25

Potrebbe durare fino a 24 mesi, la pandemia Coronavirus, che non sarebbe quindi, prossima a finire secondo uno studio condotto negli Stati Uniti

Coronavirus, dagli USA: pandemia potrebbe durare altri 18-24 mesi
Fonte foto: (Pixabay)

Potrebbe durare ancora tanto, si parla di 18/24 mesi, per sconfiggere definitivamente, la pandemia detta Coronavirus o Covid 19. A dirlo, una ricerca condotta all’Università del Minnesota, Negli Stati Uniti.

Secondo tale ricerca, l’allarme potrà dirsi cessato, quando il 60-70% della popolazione sarà reso immune dall’aver contratto il virus stesso. Per il vaccino, dovremmo poter aspettare il 2021.

Niente fretta né frenesia quindi, seppur con la voglia di ripartire gradualmente, non dovremmo aspettarci di essere immuni, almeno per un altro anno e mezzo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: CORONAVIRUS: RIAPRONO ASILI NIDO E MATERNE? ECCO IL PIANO DEL GOVERNO

Studio negli USA: vaccino Coronavirus nel 2021

Coronavirus, dagli USA: pandemia potrebbe durare altri 18-24 mesi
Fonte foto: (Pixabay)

Uno studio condotto negli Stati Uniti, non lascia di certo buone speranze a chi pensava di uscire dall’allarme Coronavirus in breve tempo. Di tempo ce ne vorrà, e non sarà poco. Mike Osterholm, tra gli autori dello studio, rivela: “Non finirà presto”, e ne spiega anche il perché: “L’idea che finirà presto sfida la microbiologia. Sulla base del trend delle più recenti pandemie di influenza, questa durerà probabilmente dai 18 ai 24 mesi“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: GALEAZZI DI MILANO: UNA RADIOGRAFIA AL TORACE PER SCOPRIRE GLI ASINTOMATICI

Il tempo dovrebbe essere necessario a raggiungere quindi il 60-70% della popolazione mondiale, per poi ridurre i tempi grazie ad un vaccino, che pare, non dovrebbe essere disponibile prima dell’anno nuovo. La data è logicamente ancora sconosciuta, ma difficilmente gli studiosi riusciranno a svilupparne uno prima del 2021.

Il raggiungimento quindi di quasi il 100% della popolazione mondiale, aiuterebbe, secondo la teoria dell’immunità di gregge, che secondo lo studio condotto negli USA, si starebbe sviluppando ancora oggi all’interno della popolazione globale.