Sindaco di Chiaravalle in diretta: “E’ un dramma per la comunità”

Sindaco di Chiaravalle è in onda a Pomeriggio Cinque per parlare di quello che è successo a causa del Coronavirus in una delle case di cura del paese.

Sindaco di Chiaravalle
foto facebook Sindaco di Chiaravalle

In onda a Pomeriggio Cinque in collegamento è arrivato Domenica Donato, il Sindaco del paese in provincia di Catanzaro che in questi giorni ha visto la sua casa di cura infettarsi di pazienti positivi al Coronavirus. Ecco le sue parole.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: CECILIA RODRIGUEZ, ECCO LA SUA QUARANTENA

Sindaco di Chiaravalle: “Abbiamo bisogno di aiuto, non abbandonateci”

Sindaco di Chiaravalle, Domenico Donato:”Un dramma per la comunità, un incubo per la casa di riposo Domus Aurea, 115 persone per una struttura per anziani, al momento abbiamo 45 vecchietti che devono essere ospitalizzati, queste persone oggi sono assistiti solo da infermieri che sono negativi che stanno facendo giorno e di notte assistenza. E’ un dramma per la struttura e per i nostri vecchietti e questo era prevedibile, perchè la Santelli diceva che dovevamo essere chiusi perchè la nostra sanità non era pronta. E’ un dramma perchè qui  non si può fare il tampone ai dipendenti in casa e non si riesce ad avere un secondo tampone per capre se la gente è guarita. Il presidente lo ha detto chiudiamoci non fate entrare nessuno e oggi la stanno pagando i nostri vecchietti li sopra e le persone che lavorano. I negativi sono diventati positivi per dare assistenza, non è giusto lo avevamo detto”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: EROE A CHIETI AIUTA LE FAMIGLIE

E ancora continua: “La rovina è stato dare la possibilità di far scendere tante persone dal nord, il Governo deve fare qualcosa non ci può lasciare da soli non sappiamo come fare. non posso pensare in modo cattivo dobbiamo unire le nostre forze e insieme possiamo farcela. Non è possibile stare in questa situazione, il dramma è questo è che tredici dipendenti asintomatici da giorni sono ammalati per poter stare con i malati. Non possiamo fare il controllo nelle famiglie e non possiamo sapere dove sono andati perchè non abbiamo le risorse. Noi oggi siamo riusciti grazie alla solidarietà le mascherine e le tute perchè solo i privati sono venuti in soccorso per poterci dare lo strumentario per poterci mettere in sicurezza. Aiuto”.

Entra nel gruppo offerte di lavoro, pensioni, bonus, invalidità - 104 e news