Coronavirus Challenge: la folle sfida sul web diffonde il contagio

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Sui social impazza una nuova moda pericolosa: la coronavirus challenge. L’allarme dei medici che invitano a non fare questa folle sfida che diffonde il contagio

challenge tik tok
Coronavirus Challange (fonte foto: screenshot video)

Ecco l’esistenza di una nuova sfida sui social della quale non se ne sentiva il bisogno. Si chiama Coronavirus Challenge ed è la nuova moda che impazza su social network come Tik Tok.

Sostanzialmente, la sfida consiste nel leccare superfici di oggetti come atto di sfida nei confronti del virus. Questa stupida moda ha origine grazie ad una pensata di una influencer, Ava Louise, che ha avuto la brillante idea di leccare per prima la tavolozza del water di un aereo.

Ad emularne le gesta, un giovane americano di 21 anni residente a Beverly Hills, in California. Il ragazzo ha postato un video su Tik Tok mentre lecca la tazza di un bagno pubblico. Risultato: ora si trova in ospedale contagiato dal virus.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – TikTok: l’ultima sfida virale si chiama Skullbreaker Challenge

I medici lanciano l’allarme: atti come questi diffondono il contagio

Coronavirus, donna si sdraia in strada: un gesto disperato
Donna con mascherina (fonte foto: Pixabay)

In un momento drammatico come questo, con il Covid-19 che sta mietendo sempre più vittime, gesti come questi sono da irresponsabili e sono da condannare. Da parte sua, Tik Tok sta eliminando tutti video di questo genere e bloccando gli account delle persone che aderiscono a questa challenge.

I medici lanciano l’allarme e ci tengono a ricordare che atti come questi sono pericolosi non solo per chi li compie, ma anche per i famigliari e le altre persone, essendo che i protagonisti delle gesta sarebbero portatori del virus.

Intervistato, il ragazzo ormai noti per questa spiacevole vicenda, ha dichiarato che era stufo che il coronavirus avesse più considerazione di lui, una vera e propria star. La responsabilità del ragazzo è enorme, essendo che molti altri giovani hanno incominciato a leccare superfici come sportelli, porte, ma soprattutto le tavolozze dei bagni pubblici.

Non sono questi i primi casi di sottovalutazione del coronavirus. Poco tempo fa, il cestista degli Utah Jazz, Rudy Gobert, primo giocatore NBA ad essere contagiato, ha toccato tutti i microfoni dei giornalisti in conferenza stampa, per dimostrare che si stava esagerando con tutte le misure cautelative che si stanno prendendo.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – Coronavirus: il piano anti-contagio di 292 scienziati. Ecco cosa prevede

Sono queste delle azioni inimitabili. Basterebbe un minimo di buon senso per comprendere la gravità della situazione.