Coronavirus, Presidente del Consiglio Conte: chiusura totale per il Paese

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Il Presidente del Consiglio Conte interviene in diretta via Facebook per cominciare la chiusura totale (o quasi) della filiera produttiva del Paese.

presidente del consiglio conte
Foto da Facebook @GiuseppeConte64

Intorno alle 23.30 il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte è intervenuto in diretta via Facebook per comunicare un ulteriore giro di vite: si fermano su tutto il territorio nazionale tutte le attività produttive non strettamente necessarie per il sostentamento del Paese.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> CORONAVIRUS: PRESIDENTE INPS PROPONE REDDITO DI CITTADINANZA PER TUTTI

Il Presidente del Consiglio Conte annuncia lo stop totale per il Paese

giuseppe conte diretta
Foto da Facebook @GiuseppeConte64

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE –> EMMA MARRONE, IL RICORDO E LA MALINCONIA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS

“Fin dall’inizio ho scelto la linea della trasparenza. […] E’ la crisi più difficile che il Paese sta vivendo dal secondo dopoguerra. […]

Siamo chiamati a misurarci con notizie che ci feriscono. […] La morte di tanti concittadini è un dolore che ogni giorno si rinnova […] Non sono semplici numeri, quelle che piangiamo sono persone, sono storie di famiglie che perdono gli affetti più cari.

Le misure fin qui adottate, l’ho già detto, richiedono tempo. Dobbiamo continuare a rispettare tutte le regole con pazienza [… ] Sono misure severe, ne sono consapevole […] Solo in questo modo riusciremo a tutelare noi stessi e a tutelare le persone che amiamo.

Il nostro sacrificio di rimanere a casa è per giunta minimo se paragonato al sacrificio che stanno compiendo altri concittadini […] Penso in particolare ai medici, agli infermieri, alle forze dell’ordine, a chi lavora nei supermercati o nelle farmacie […] Donne e uomini che non stanno semplicemente andando a lavorare ma compiono ogni giorno un atto di grande responsabilità nei confronti della Nazione, un atto di amore per il Paese […]

Oggi abbiamo deciso di compiere un altro passo, di chiudere sull’intero territorio nazionale ogni attività produttiva che non sia indispensabile.

Abbiamo lavorato tutto il giorno per stilare una lista dettagliata in cui sono indicati i servizi più necessari per il funzionamento dello stato. […]

Continueranno a rimanere aperti tutti i supermercati, i negozi di generi alimentari e di prima necessità […] Invito tutti a mantenere la massima calma, non c’è ragione di fare una corsa agli acquisti. […] 

Continueranno a rimanere aperte farmacie, parafarmacie, i servizi bancari, assicurativi, finanziari. Assicureremo tutti i servizi pubblici.

Per il resto delle attività consentiremo solo l’esercizio di lavoro in modalità smartworking e i servizi che riteniamo importanti per la produttività nazionale.

Rallentiamo il sistema produttivo ma non lo fermiamo. […]

E una decisione che si rende necessaria oggi in particolare per poter contenere quanto più possibile la diffusione dell’epidemia. L’emergenza sanitaria sta tramutando in piena emergenza economica ma a voi tutti dico lo stato c’è lo stato è qui.

Il governo interverrà con misure straordinarie che ci consentiranno di rialzare la testa. […]

Quelle rinunce che oggi vi sembrano un passo indietro domani ci consentiranno di prendere la rincorsa e di tornare nelle nostre fabbriche nei nostri uffici nelle piazze e riabbracciare le persone care.

Uniti ce la faremo”