Amadeus, coronavirus, le direttive per evitare il contagio

Il video realizzato da Amadeus si intitola “Aiutiamoci l’un con l’altro” in cui spiega alcune regole da seguire per limitare il contagio da Coronavirus 

Amadeus
Amadeus (foto Instagram)

Amadeus non si fa abbattere dalla tremenda ondata lasciata in dote dal coronavirus. La momentanea chiusura del suo programma su Rai 1 “I soliti Ignoti” non lo ha demoralizzato, anzi lo ha motivato ancor di più nella lotta contro la diffusione di questo virus, che sta creando non pochi disagi.

Già prima dell’esplosione definitiva del caso in Italia, il noto conduttore televisivo reduce dalla conduzione del 70esimo Festival di Sanremo, aveva realizzato un video con una serie di dettami da seguire per evitare il propagarsi del COVID-19 intitolato “Aiutiamoci l’un con l’altro”. Sulla sua stessa lunghezza d’onda anche Alba Parietti nei giorni scorsi ha postato sul suo profilo Instagram le principali norme varate dai vari organi sanitari.

LEGGI ANCHE -> ALBA PARIETTI CRITICATA, TORNA SUL CORONAVIRUS: “NE VA DELLA NOSTRA VITA” 

LEGGI ANCHE -> IL CORONAVIRUS BLOCCA AMADEUS: LA DRASTICA DECISIONE IN CASA RAI  

Amadeus, ecco le le direttive per contrastare il coronavirus

Un breve video in cui Amadeus con la sua solita professionalità ha spiegato alcuni aspetti, che a molti sembrano ormai noti e scontati. In virtù del momento che sta vivendo il Bel Paese però, rimarcarli di certo non fa male. Naturalmente ha posto l’accento sul lavaggio delle mani, diventato un “must” nell’era del coronavirus. Vietato toccarsi faccia, bocca, occhi e altre parti del corpo se non dopo aver igienizzato accuratamente le mani.

Altro suggerimento abbastanza in auge è quello sul metodo corretto di starnutire. Qualora non si disponga di un fazzoletto monouso, bisogna farlo sulla piega del gomito. Una tecnica che evita il propagarsi del batterio, in particolar modo quando ci si trova in luoghi pubblici o affollati. Non tutti però sono informati a dovere sul come sanificare gli ambienti e le superfici che giornalmente ci ritroviamo toccare. Cloro e alcool sono le sostanze più efficaci da utilizzare, in particolar modo sulle basi metalliche dove sembra che il virus riesca a sopravvivere più a lungo. Insomma, un esempio di come la popolarità possa essere sfruttata per fare delle azioni positive nei confronti del prossimo.