Papa Francesco non andrà in Laterano a causa di tosse e affaticamento

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:05

Il direttore della sala stampa vaticana Matteo Bruni, ha confermato l’indisposizione da parte di Papa Francesco, che non prenderà parte alla Liturgia Penitenziale di inizio Quaresima

Papa Francesco
Papa Francesco in preghiera (foto Getty)

Papa Francesco è un po’ affaticato e qualche sintomo influenzale. Niente paura però, non ha il coronavirus. Di questi tempi è sempre meglio specificarlo, onde evitare ogni dubbio. Si tratta solo di un affaticamento fisiologico dovuto ai tanti impegni e ai malanni di fine inverno. A causa di ciò, stamattina ha dovuto rinunciare a recarsi presso la Basilica romana di San Giovanni in Laterano per l’inizio della liturgia penitenziale di inizio Quaresima con il clero romano.

Dunque niente confessione agli altri sacerdoti, così come avviene per prassi. A dare l’ufficialità della notizia dell’indisposizione del pontefice è stato il direttore della sala stampa vaticana Matteo Bruni. Nessun cambiamento per quanto riguarda gli altri impegni istituzionali, ma per motivi precauzionali rimarrà per qualche giorno negli ambienti circostanti Santa Marta.

LEGGI ANCHE -> PAPA FRANCESCO, A POMPEI L’ARCICONFRATERNITA PREGA PER LUI 

LEGGI ANCHE -> PAPA FRANCESCO: A NOVEMBRE VISITA IN THAILANDIA E GIAPPONE 

Papa Francesco, il punto sulle sue condizioni di salute

Papa Francesco
Papa Francesco (Fonte Pixabay)

Naturalmente la curiosità è tanta quando si parla di un personaggio così importante come il pontefice. Quali sintomi ha accusato nello specifico? A quanto pare già nella giornata di ieri ha palesato segni di raffreddamento, tosse, voce rauca e respiro affaticato. Aspetti che si sono notati durante l’udienza generale in Piazza San Pietro della mattina e anche nel corso della processione e della messa nella Chiesa di Sant’Anselmo all’Aventino per il mercoledì delle Ceneri.

Insomma, giorni particolari per il Papa, che pur di preservarsi ha preferito non presenziare ad eventi di estrema importanza per il mondo ecclesiastico. La Quaresima però offre ampie opportunità in tal senso, fino ad arrivare alla Santa Pasqua di domenica 12 aprile 2020. Ciò che conta al momento è che Bergoglio stia bene e non abbia nulla di grave. Le voci sulle sue condizioni di salute si stavano già ingigantendo, scatenando la paura e la preoccupazione da parte dei fedeli, che lo seguono sempre con grande affetto.