Prevenire le truffe sugli anziani: le migliori tecniche d’aiuto

Sono sempre di più i malviventi che effettuano truffe sugli anziani per mettere le mani sui loto risparmi o sui loro oggetti di valore. Con un paio di dritte però tutto ciò si può evitare

Truffe sugli anziani
Signore anziano (Fonte Pixabay)

Le truffe sono ormai una realtà fin troppo consolidata nella società moderna. Si tratta di qualcosa di riprovevole e che non si può giustificare con la lunga fase di crisi economica che sembra non passare mai. Effettuarle è indice di disonestà, ma purtroppo bisogna farci i conti e prestare sempre la massima attenzione.

Purtroppo però i criminali prendono spesso di mira le persone anziane, facendo leva sulla loro sensibilità e sulle loro capacità psicofisiche spesso ridotte per via dell’età avanzata. Le metodologie per raggirare le persone un po’ più attempate sono molteplici e purtroppo tutte molto efficaci di primo impatto. Vediamo nel dettaglio quali sono e come vengono messe in atto.

LEGGI ANCHE -> TRUFFE ONLINE, ALLARME SICUREZZA ONLINE, ALLARME SICUREZZA FILE ALLEGATI: C’ENTRA ANCHE IL CORONAVIRUS

LEGGI ANCHE -> TRUFFE TELEFONICHE, è BOOM: L’ALLARME DEL COMUNE, TANTE SEGNALAZIONI 

Truffe sugli anziani: le tecniche più subdole e come sventarle

Truffe sugli anziani
Anziani, Fonte: Pixabay (https://pixabay.com/it/photos/nonna-nonno-nonni-anziani-vecchio-3659689/)

La tecnica del finto pacco o della consegna del pacco di presunte bollette scadute sono tra quelle più tradizionali. Un modo semplice e redditizio per farsi consegnare subito i soldi o per entrare nell’abitazione del malcapitato di turno. Da non escludere le truffe online, a cui spesso e volentieri si può cascare per via di email strane e di parole in inglese di cui non si conosce il significato. Il controllo dei contanti dopo un prelievo in banca e la tecnica dello specchietto sono altre due frontiere per andare a colpo sicuro. Nel primo caso ci si finge dipendente dell’agenzia e con la “scusa” del controllo del numero di serie delle banconote, ci si appropria del denaro altrui. Nell’altra ipotesi si finge un contatto con l’auto dell’anziano di turno (lanciano un oggetto che lascia presagire al contatto) e si fa notare il danno al finestrino (ovviamente danneggiato in precedenza).

Di estrema importanza è la denuncia dei fatti, onde evitare di lasciare impunito chi ha truffato. Inoltre, solo perseguendo la strada della giustizia si potrà evitare che qualcun altro in futuro possa trovarsi nella medesima situazione. Dunque, figli e nipoti hanno il “diritto-dovere” di informare i propri cari più anziani su come si muovono questi balordi e sostenerli nel caso in cui siano vittime di questi spiacevoli episodi. Infondere coraggio è un’arma importante, che spesso viene sottovalutata.