Lavare il pollo crudo è pericoloso. Ecco il perchè.

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:54

 Si tratta di una pratica utilizzata molto spesso in cucina, ma non tutti conoscono i danni che può provocare alla nostra salute.

pollo crudo
Lavare il pollo crudo è una pratica da evitare (foto pixabay)

L’allarme arriva dall’Agenzia per la Sicurezza Alimentare del Regno Unito la quale avverte: questa procedura può causare seri danni alla nostra salute a causa del batterio denominato Campylobacter.

Sciacquare il pollo crudo sotto l’acqua del rubinetto pensando di eliminare così tutti i residui della macellazione presenti sulla carne, può invece provocare la contaminazione di casa e persone. Questa procedura favorisce infatti la diffusione nell’ambiente di tale microrganismo.

Il Campylobacter è un batterio che si trova molto facilmente nella carne di pollo, ha una forte resistenza al congelamento e si adatta particolarmente bene anche a temperature comprese tra i 30 e i 47 gradi.

Secondo quanto dichiarato dall’Agenzia, dopo aver lavato il pollo il batterio si diffonde con estrema facilità a tutti gli utensili adoperati, compresi piatti, scolini, coltelli e taglieri soprattutto se di legno.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – PIZZA, QUELLA SETE INCONTENIBILE DOPO AVERLA MANGIATA: PERCHE’ E COSA FARE

QUALI SONO I SINTOMI CAUSATI DAL CAMPYLOBACTER?

Campylobacter
Immagine al microscopio del batterio Campylobacter (foto wikipedia)

I primi sintomi avvertiti sono sicuramente febbre, nausea, diarrea e crampi addominali. Il batterio infatti provoca ciò che viene definita campylobatteriosi, ossia una patologia che colpisce il tessuto epiteliale intestinale. Nei casi peggiori il batterio in questione può portare alla sindrome di Guillén Barré, una paralisi progressiva degli arti che nelle forme più acute può arrivare ad una paralisi totale degli arti.

Le persone più a rischio sono quelle immuno-compromesse poichè possono sviluppare manifestazioni molto gravi in seguito al contagio. Tra queste la meningite, l’endocardite e aborto. La diagnosi per capire se si è stati contagiati dal batterio, avviene a seguito di esami clinici.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE – VIVERE A LUNGO ELIMINANDO QUESTE 5 ABITUDINI

Secondo l’Agenzia per la Sicurezza Alimentare del Regno Unito, la campylobatteriosi sembra essere stata la malattia più segnalata che pare abbia portato oltre 200mila casi di infezione, la maggior parte dei quali portati proprio dalla carne di pollo cruda.

Sarà quindi il caso di fare più attenzione a questa pratica così comune in cucina.