Farmaco sospeso: rischio correlazione cancro per questo medicinale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:57

L’agenzia Europea dei Medicinali (Ema) ha sospeso questo farmaco per un rischio correlazione cancro: sul sito, la raccomandazione e la disposizione

Farmaco sospeso: rischio correlazione cancro per questo medicinale
Medicina (Pixabay)

Mediante un avviso rilasciato sul proprio sito internet, L’Agenzia Europea dei Medicinali (Ema), ha avvisato, raccomandato e disposto ai pazienti che fanno uso del gelPicato“, la sospensione per un rischio correlazione cancro.

Il farmaco sospeso in questione viene utilizzato per trattare la cheratosi attinica della pelle, ovvero una lesione precancerosa dell’epidermide. Stando a quanto si legge nella nota diffusa sul sito, gli esperti che fanno parte del comitato di sicurezza dell’Agenzia, si stanno occupando e si sono concentrati su un’analisi.

Quest’ultima riguarda i dati sul cancro della pelle in coloro che hanno fatto uso del famarci “Picato” (ingenolo mebutato). L’allarme è inerente ad una possibile correlazione tra il mediante e il cancro della pelle.

Nonostante ci siano incertezze al riguardo, vi sono delle preoccupazioni riguardo all’uso di tale medicinale, e lo studio e gli approfondimenti svolti vanno proprio in questa direzione.

LEGGI ANCHE –> Stress, la formula per combatterlo definitivamente in poche mosse

L’EMA LANCIA L’ALLARME SUL FARMACO SOSPESO “PICATO”: LA NOTA NELLO SPECIFICO

Farmaco sospeso: rischio correlazione cancro per questo medicinale
Avviso Ema (https://www.ema.europa.eu/en/news/ema-suspends-picato-precaution-while-review-skin-cancer-risk-continues)

FarmacoPicatosospeso dunque, stando a quanto si legge nella nota rilasciata sul sito web dell’Ema (Agenzia Europea dei Medicinali), per un rischio correlazione cancro della pelle.

La preoccupazione degli esperti riguarda un possibile aumento del rischio cancro nei pazienti che fanno uso di tale gel. La raccomandazione quindi è di non utilizzare il medicinale, mentre continua lo studio e la revisione per la sicurezza del prodotto.

Il Prac, ovvero il comitato di sicurezza dell’Ema, si sta occupando di esaminare i dati relativi al cancro della pelle in coloro che ne hanno fatto uso.

Nello specifico, messi a confronto i dati di tale farmaco “Picato” con un altro usato per il medesimo trattamento, “l’Imiquimod“. Dopo la comparazione, sarebbe emersa una maggior presenza di cancro della pelle nei soggetti che hanno usato “Picato”.

Nella nota si legge che ci sono incertezze in merito, ma c’è la “preoccupazione per un possibile legame“. Il comitato quindi ha deciso per la sospensione dell’autorizzazione del commercio del farmaco. Sul mercato c’è possibilità di altri trattamenti.

Il comitato continuerà lo studio mentre l’Ema rilascerà una guida a pazienti e operatori del settore sanitario. Prima di un eventuale scelta della Commissione Europea, vi saranno poi le raccomandazioni per l’uso del medicinale.

L’avviso sul sito dell’Ema si può leggere QUI.