Hai bisogno di una casa? In alcune zone puoi comprarla ad 1 euro

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:12

Diversi piccoli comuni italiani hanno provato a vendere le case a 1 euro per combattere lo spopolamento. L’iniziativa inizia a dare i suoi frutti

Case a 1 euro
Case (Fonte Pixabay)

Lo spopolamento dei piccoli centri è un fenomeno a cui non viene dato troppo risalto. In Italia sono diverse le località in cui vivono pochissime persone o addirittura in cui non ci sono più abitanti.

Una problematica che riguarda indistintamente sia il Nord che il Sud Italia, a cui però le amministrazioni comunali non vogliono assolutamente arrendersi.

Leggi anche -> Casa, profumi per ambiente fai da te: aromi naturali a costo zero

Case a 1 euro: le località in cui è possibile

case a 1 euro
Borgo italiano (Fonte: Pixabay)

Solo per citare alcuni esempi Ollalai in Sardegna, Borgomezzavilla in Lombardia, Gangi in Sicilia sono tra le località che hanno provato a rinascere tramite ad iniziative simili. Ma ce ne sono anche altre, tra cui Cantiano, Racalmuto, Salemi e Montieri. In tutto sono circa una 20ina e visto il periodo storico non abbastanza difficile, provare a fare richiesta non è poi così una cattiva idea.

Ma come funziona nello specifico la prassi? L’iniziativa è partita nel 2010 ed inizialmente è stata vista come una sorta di scherzo provocatorio. Col tempo ha iniziato ad attirare l’interesse di media e privati, che hanno iniziato a fare richiesta. Addirittura alcuni stranieri hanno acquistato delle abitazioni. D’altronde avere una casa in Italia ad un prezzo stracciato (seppur in posti sconosciuti), a chi non farebbe piacere?

Ogni comune agisce in piena autonomia e ha le sue procedure e tempistiche. Alcuni hanno stilato delle liste ricevendo in molti casi un numero maggiore di domande, privilegiando le famiglie con bambini. Altri hanno messo le case all’asta cercando di monetizzare il più possibile.

Ma non è tutto oro quel che luccica. Anche nelle località in cui le case sono state acquistate al simbolico prezzo di 1 euro, i nuovi proprietari hanno dovuto fare i conti con vincoli d’uso e architettonici e con scadenze tassative da rispettare inerenti ai tempi di ristrutturazione. Dunque, tra risultati altalenanti le trattative continuano. Chi fosse interessato si faccia avanti. Basta consultare il sito casea1euro.it

Leggi anche -> Smart working: lavorare da casa non porta solo vantaggi, i motivi