Gatti, miagolio e coda: cosa vuole dirti? Impara il linguaggio – VIDEO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:16

I gatti sono i veri padroni della casa: compito degli esseri umani è imparare a riconoscere il loro linguaggio, tra miagolio, coda e tanto altro: guarda come – VIDEO

Gatti, miagolio e coda: cosa vuole dirti? Impara il linguaggio - VIDEO
Gattino (fonte foto: Pixabay)

Adorabili e dignitosi palle di pelo, chi ha i gatti in casa sa che i veri padroni sono loro: all’essere umano, allora, non resta che sforzarsi per imparare al meglio il loro linguaggio, al fine di migliorare la comunicazione con l’amico felino.

Ciò che maggiormente amano i mici, non a caso, è la tranquillità: riconoscere il loro modo di interagire con loro può avere effetti positivi e rendere più sereni loro, le persone e il rapporto instaurato.

Il movimento della coda, il miagolio e le fusa sono sono alcuni dei modi che i gatti hanno per spiegare il loro stato d’animo. Di seguito ci saranno una serie di consigli per identificare e imparare al meglio i loro tratti “caratteriali”. Il prerequisito necessario però di un buon rapporto tra gatto e umano, nonché per una maggiore comprensione, è l’osservazione. Guardateli e riconoscete i loro atteggiamenti.

LEGGI ANCHE –> Il tuo cane ti dice: “Ti voglio bene”. Questo Video ti spiega come capirlo

CODA, FUSA, OCCHI E CORPO: GUARDA COME RICONOSCERE IL LINGUAGGIO DEI GATTI

Gatti, miagolio e coda: cosa vuole dirti? Impara il linguaggio - VIDEO
Occhi e pupilli del gatto / Gatto e coda (fonte foto: Pixabay)

Per imparare a riconoscere il linguaggio dei gatti, è necessario osservare il comportamento che questi assumano, attraverso anzitutto coda e orecchie.

Come si evince dal video del canale Youtube di Royal Canin infatti, se la coda è morbida, ad esempio, il micio sarà rilassato.

Quando la coda invece appare gonfia, il felino si sta mettendo sulla difensiva o comunque è pronto a reagire. Le orecchie dritte indicano uno stato tranquillo. Al contrario, se quest’ultime sono tirate all’indietro e basse, l’animale è in uno stato di tensione e potrebbe mostrarsi aggressivo. Un pelo drizzato, come nei cartoni animati, equivale ad uno stato di difesa.

Lo spavento lo si vede negli occhi, con le pupille dilatate. Viceversa, con pupille stretta, il gatto vive uno stato di serenità.

Inoltre, accanto al linguaggio del corpo e alla mimica, i gatti hanno imparato ad interagire con l’uomo con il miagolio. Ma i segnali vocali che emettono sono ben 16.

Ad esempio, il soffio indica uno stato di minaccia mentre le fusa sono richieste di attenzioni, non necessariamente sintomatiche di un momento felice.

Per approfondire, il video in basso del canale YouTube di Royal Canin.


Fonte video: youtube / Royal Canin