Microchip gatto, dal 1°gennaio 2020 è obbligatorio: ecco dove

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:30

Come per il cane, in Lombardia il microchip per il gatto è diventato obbligatorio nel 2020: a cosa serve, costi e cosa prevedono le altre regioni

Microchip gatto, dal 1°gennaio 2020 è obbligatorio: ecco dove
Gatto (fonte foto: pxhere)

La Regione Lombardia ha stabilito che il microchip ai gatti è obbligatorio per risalire ed identificare il padrone, o amico umano, dir si voglia: a partire dal 1 gennaio 2020 anche ai mici, come ai cani, dovranno essere installati tali dispositivi sottocutanei sui neonati o sugli animali appena adottati.

La Lombardia è la prima tra le regioni a disporre questa misura e a prevederne l’obbligatorietà, tuttavia è possibile che nel tempo anche altre Regioni decidano di agire allo stesso modo. Insomma, anche altre Regioni potrebbero scegliere in futuro di far diventare obbligatorio ciò che oggi, Lombardia a parte, viene lasciato all’iniziativa dell’amico umano del felino.

Laddove non c’è tale obbligo, si richiede però il microchip esclusivamente per il rilascio dei documenti di viaggio per l’estero.

LEGGI ANCHE –> Il tuo cane ti dice “Ti voglio bene” Guarda come – VIDEO

MICROCHIP GATTO OBBLIGATORIO DAL 1° GENNAIO 2020 IN LOMBARDIA: QUANTO COSTA E PERCHÉ È IMPORTANTE

Gatto (fonte foto: pxhere)
Gatto (fonte foto: pxhere)

La Lombardia, dunque, è la prima delle Regioni in Italia a decidere per l’obbligatorietà del microchip da installare sui gatti appena nati o appena adottati; come detto, la misura diventa obbligatoria sin dal 1 gennaio 2020.

Le motivazioni sono varie ed importanti. Anzitutto, si punta a contrastare il fenomeno del randagismo, drammatico e diffuso in moltissime città italiane, che mette a repentaglio la vita degli animali di compagnia esposti a clima e pericoli della strada.

Il microchip rende più sereno il padrone, poiché in caso di smarrimento del gatto, può essere una preziosa risorsa a cui far riferimento.

Sebbene nelle restanti Regioni italiane la decisione è libera e a discrezione del padrone, soprattutto nell’eventualità in cui in casa ci sia un gatto che si allontana spesso, quella del microchip è una misura a cui pensare seriamente per essere più tranquilli.

LEGGI ANCHE –> Incendi Australia: gli animali morti sono oltre un miliardo VIDEO

Il microchip diventa invece obbligatorio ai fini del rilascio dei documenti per il viaggio all’estero. Il costo dell’installazione del dispositivo si aggira tra i 30 e i 50 euro, e proprio la sua utilità potrebbe spingere a breve altre Regioni ad intraprendere la stessa strada.