Amazon, dipendenti a rischio licenziamento: ecco il motivo

Entra nel gruppo offerte di lavoro, bonus, invalidità, legge 104, pensioni e news

Ricevi ogni giorno gratis news su offerte di lavoro ed economia


  1. Telegram - Gruppo

  2. Facebook - Gruppo

Secondo Amazon alcuni dipendenti non avrebbero rispettato le norme riguardanti le dichiarazioni pubbliche e adesso rischiano di essere licenziati

Amazon: dipendenti in sciopero per il Black Friday
Amazon (GettyImages)

Una bufera sta travolgendo il colosso di commercio elettronico americano Amazon. Alcuni dipendenti hanno portato a galla un’indiscrezione che qualora fosse confermata sarebbe abbastanza pesante per l’azienda.

I lavoratori hanno dichiarato che la nota multinazionale li avrebbe minacciati di licenziamento per alcune dichiarazioni rilasciate in merito all’apporto di Amazon per quanto concerne i cambiamenti climatici. Nella fattispecie gli operai avrebbero chiesto una maggiore attenzione in tal senso, attraverso azioni concrete volte a contrastare questo increscioso e sempre più inquietante fenomeno.

A quanto pare però la sollecitazione non è stata presa affatto bene. Il gruppo Amazon Employees of Climate Justice ha infatti affermato che secondo l’azienda queste esternazioni pubbliche violano le politiche interne riguardanti la comunicazione.

Leggi anche -> Amazon Prime Video, dal 29 novembre arriva “Chiara Ferragni Unposted”

La replica di Amazon ai dipendenti

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Amazon Fresh is now FREE with Prime! Introducing fast, FREE delivery on a wide selection of fresh groceries. amazon.com/grocery [Link in bio]

Un post condiviso da Amazon (@amazon) in data:

La replica da parte di Amazon non si è fatta attendere e non è stata proprio leggera. Dalla sede hanno affermato che la normativa in tal senso è ben nota a tutti e che qualora fosse trasgredita si può incappare in una notifica, naturalmente non positiva, da parte degli addetti alle risorse umane. La catena di distribuzione ha inoltre fatto sapere alla BBC di aver agevolato le pratiche per autorizzare i dipendenti a prestarsi ad interviste e a rilasciare dichiarazioni. Inoltre ha garantito una maggior apertura all’utilizzo del logo della compagnia.

Un vero e proprio braccio di ferro, dove ognuna delle due parti in causa cerca di far prevalere le proprie ragioni, in maniera lecita e attraverso delle valide argomentazioni. La sensazione però, è che ancora una volta gli interessi economici sembrano avere un peso maggiore rispetto a quelli ambientali, ormai sempre più bistrattati in ogni parte del mondo.

Leggi anche -> Amazon: lavoratori in sciopero a causa del Black Friday