Sudafrica: le shockanti immagini di onde di rifiuti in mare

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:17

Le shockanti immagini che ritraggono le coste del Sudafrica completamente invase da tonnellate di rifiuti in plastica fanno il giro del mondo e preoccupano.

Plastica in mare
Bottiglia di plastica in mare (Fonte: Pixabay)

Stanno letteralmente facendo il giro del mondo le immagini che riprendono tonnellate di rifiuti che vagano tra le onde del mare della costa di Durban, a est del Sudafrica.

Le immagini parlano molto chiaramente di una gravissima situazione di disastro ambientale, che si sta lentamente diffondendo e mettendo in ginocchio il nostro pianeta.

Ecco quindi che tutto fa tornare alle parole di Greta Thunberg e alla battaglia che sta facendo affinché si dia il giusto risalto a tematiche che trattano dell’ambiente.

La ragazzina svedese e attivista, è diventato il volto della salvaguardia del pianeta, che al momento si trova in una situazione di grande difficoltà da cui è difficile uscire.

Bisogna fare qualcosa e occorre farla subito, poiché cambiamenti climatici e inquinamento ne stanno facendo da padroni.

Soltanto pochi giorni fa Greta Thunberg ha anche presenziato all’ennesima manifestazione del Fridays For Future, che si è tenuta a Torino davanti a una folla gremita di persone.

Questo è un chiaro segnale che il futuro del nostro pianeta sta a cuore a molti e che al momento è sostanzialmente nelle mani di potenti che hanno il dovere di occuparsi della questione, impegnandosi nell’attuazione di proposte valide e concrete.

Grande preoccupazione per il mare e i fiumi in Sudafrica

Rifiuti in mare
Le immagini shockanti di tonnellate di plastica e rifiuti in mare (Fonte dal web)

Intanto le immagini di questo forte inquinamento in Sudafrica, dove è quasi impossibile distinguere le onde del mare da quelle di rifiuti di plastica, fanno davvero preoccupare.

Il video è stato ripreso da un membro di The Litterboom Project, un’associazione che è nata in questi luoghi per contrastare l’inquinamento che si sta generando nei mari e nei fiumi della zona.

Le riprese sono state sui social e in breve tempo le immagini sono rimbalzate fra tutte le fila del web, destando scalpore e grande shock.

La situazione di queste zone è talmente tanto preoccupante che addirittura gli attivisti di The Litterboom Project solamente nell’ultimo anno e mezzo sono riusciti ad impedire che circa 14000 kg di plastica fossero riversate nell’oceano.

Ciò che gli attivisti chiedono al governo del paese è di pensare e promuovere leggi che riescano a portare ad una riduzione notevole della produzione della plastica.

Occorre però che si creino anche delle infrastrutture che possano in qualche modo occuparsi di questi rifiuti speciali e rimuoverli.

Mettersi all’opera dunque con progetti seri è l’unico modo per poter contrastare l’avanzata di questi disastri, sperando che si riesca in fretta a liberare fiumi e mari da plastica e altra spazzatura.