Incendio divampato in un appartamento a Pisa, si cercano le cause

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:47

È successo in Via Garibaldi, Pisa, un incendio ha distrutto un appartamento, per fortuna vuoto al momento del fatto. Ancora sconosciute le cause

Incendio divampato in un appartamento a Pisa, si cercano le cause
Fonte foto: (Getty Images)

Incendio a metà mattinata divampato a Pisa. Spavento in Via Garibaldi, dove intorno alle 11:30 di questa mattina, sono dovuti intervenire i Vigili del Fuoco.

Stavolta per fortuna, non ci sono vittime, contrariamente a quanto accaduto la settimana scorsa, per le stesse cause, nel milanese. Per motivi simili, morto invece un trentatreenne, proprio in Toscana, che, trasferito all’Ospedale di Pisa, si è arreso alle troppe lesioni.

Leggi anche: Maltempo, Pavia: crollo su una riva del Ticino. Pericoli nel bresciano

Incendio a Pisa in un appartamento, si cercano le cause

Incendio divampato in un appartamento a Pisa, si cercano le cause
I fatti sono accaduti nella città di Pisa. Fonte foto: (Getty Images)

Nella giornata di oggi, 2 dicembre, un incendio è divampato in un appartamento in via Garibaldi, nella città toscana di Pisa. Solo spavento per i vicini, che hanno per fortuna testimoniato ad un avvenimento, dove non ci sono feriti e non ci sarebbero danni alle strutture adiacenti. Sul posto, oltre ai Vigili del Fuoco, anche una delegazione della Polizia di Stato, per scoprire quali potrebbero essere state le cause dell’incendio, che avrebbe interessato un materasso della casa, per poi raggiungere alcuni suppellettili presenti in essa. Le conseguenze, come già sottolineato, non sono state per fortuna gravi come quelle della settimana scorsa nel milanese, o quelle dell’incendio in una fabbrica di fuochi d’artificio, dello scorso novembre, nel messinese.

Registrato invece il decesso di Leonardo Nannetti, trentatreenne abitante di Follonica, vittima di un’esplosione nel proprio garage. Trasferito di urgenza all’Ospedale di Pisa, l’uomo non ce l’ha fatta, morendo presso il Centro Grandi Ustioni. Pare che la causa fosse dovuta all’esplosione del serbatoio del carburante di una moto.

Leggi anche: L’estremizzazione climatica: parla l’esperto