Maltempo in Campania: sarà allerta meteo ancora per un giorno

La situazione in Campania sarà ancora difficile per un giorno. Criticità gialla fino alle 18 di domani

Maltempo in Campania

Maltempo in Campania: continuano le condizioni meteo critiche in tutta la regione, come del resto in tutto il Sud del Paese. Anche nella giornata di oggi 12 novembre, come anticipato ieri, tempo molto brutto con temperature in calo e piogge e forte vento a partire dalle prime ore dell’alba.

–> Leggi anche Ambra Angiolini: “T’Appartengo” compie 25 anni

Peggioramento delle condizioni fino alle 18 di domani

Fino alle ore 18 di domani il tempo sarà molto brutto. Non abbandoneranno i campani il vento forte il mare agitato e i temporali. Per la Protezione civile regionale il quadro evidenzia una modifica della perturbazione che porta al cambiamento della direzione dei venti.

Nell’avviso di avverse condizioni meteo sono evidenziati “Venti forti dai quadranti occidentali con locali rinforzi e possibili raffiche. Ma anche mare agitato con possibili mareggiate lungo le coste esposte”. Prorogata anche la criticità idrogeologica di colore giallo per rischio localizzato.

Il maltempo in Campania quindi proseguirà in modo forte almeno fino a domani. Inftti si prevedono “Precipitazioni sparse anche a carattere di rovescio o temporale localmente di moderata intensità” fino alle 22 di stasera su tutta la Campania.

Poi dalle 22 e fino alle 18 di domani sull’intero territorio regionale tranne le zone di allerta 2 (alto Volturno e Matese) e 4 (alta Irpinia e Sannio). La Protezione civile segnala anche che permarrà la necessità di monitorare le strutture esposte alle sollecitazioni dei venti e del moto ondoso.

Si potrebbero verificare infatti problemi e danni al verde pubblico ai pali della luce e alla cartellonistica stradale proprio dagli effetti del forte vento. I sindaci stanno raccomandando di uscire solo per motivi importanti e di non rimanere per strada per troppo tempo.

Molte scuole anche nella giornata di domani rimarranno chiuse. Tante le ordinanze dei primi cittadini in tutta la regione che hanno chiuso le scuole in presenza di pericoli, anche solo potenziali, che potrebbero essere cagionati dal maltempo.