Marco Mengoni dà voce a Jesper protagonista del primo cartoon Netflix

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:44

Marco Mengoni darà la sua voce a Jesper il protagonista del primo cartoon di Netflix, nuova esperienza per il cantautore italiano

Marco Mengoni dà voce a Jesper protagonista del primo cartoon Netflix
marco-mengoni-doppia-jesper-in-klaus(Google)

Marco Mengoni darà la sua voce a Jesper il protagonista del primo cartoon di Netflix. Marco vive giorni di grande soddisfazioni, anche il suo album live “Atlantico On Tour” è ai primi posti delle classifiche. I suoi successi non si fermano alla musica.

Marco dal quindici novembre sarà la voce di Jesper che è il protagonista di “Klaus – Isegreti del Natale”. Sarà il primo cartoon prodotto da Netflix. In un’intervista, Marco dichiara: “Jesper è il mio riscatto: per la prima volta, dopo l’esperienza in Lorax – Il guardiano della foresta e nel live-action de Il Re Leone, posso doppiare il protagonista. Mettiamola così: questo è il mio regalo di Natale”. Marco nato proprio il venticinque dicembre, aggiunge che proprio per questo motivo ha avuto un’infanzia tristissima. Certo non attribuisce la colpa ai genitori, ma semplicemente ricorda che in quel giorno è nato qualcuno più importante di lui al quale venivano date tutte le attenzioni.

LEGGI ANCHE -> “Questione di Karma”: trama, cast e trailer del film con Fabio De Luigi

Marco Mengoni dà voce a Jesper protagonista del primo cartoon Netflix
Marco Mengoni doppia Jesper in Klaus (Google)

Marco Mengoni una carriera tra musica e doppiaggi

Per Marco Mengoni questa è la terza esperienza come doppiatore. Il cantautore dichiara che non avrebbe mai immaginato di riuscirci e che nel doppiare Simba si ripeteva spesso che non era in grado di farcela.

Marco continua il suo racconto: “Doppiare qualcuno non è affatto un gioco da ragazzi. Ogni giorno tornavo a casa come se avessi fatto chissà quale maratona. Poi, pochi giorni fa, in treno, ho visto il film e mi sono commosso. La storia senza alcun dubbio sa il fatto suo, ma la soddisfazione di aver fatto un buon lavoro e di averlo fatto con personaggi come Carla Signoris, e Francesco Pannofino, mi ha ripagato della tanta fatica fatta”.

Racconta anche delle sue insicurezze e che spesso tende a buttarsi troppo giù di morale. Marco riporta l’esempio del bicchiere dicendo che lui quel bicchiere lo vede sempre mezzo vuoto.