Marco Carta, il primo commento dopo l’assoluzione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:34

Ha riservato a Barbara D’Urso il primo commento, Marco Carta, dopo l’assoluzione per il furto di 6 magliette del valore di 1200 euro alla Rinascente di Milano

A 'Vieni da me', festa e torta per Marco Carta: 34 anni per il cantante
Marco Carta (Instagram/screenshot)

E’ la fine di un incubo, oggi con la parola assoluzione ricomincio a respirare”, questo il primo commento di Marco Carta, poche ore dopo il lieto fine della propria vicenda processuale, affidato a Barbara D’Urso. E non poteva essere altrimenti visto che la regina dei salotti televisivi targati Mediaset ha preso molto a cuore la vicenda del cantante sardo che proprio nello studio della D’Urso, visibilmente commosso, ha raccontato della pesante accusa, il furto di 6 magliette del valore complessivo di 1200 euro, il 31 maggio scorso, alla Rinascente di Milano, che pendeva sul proprio capo. Motivo per cui Marco Carta lunedì prossimo, 4 novembre, sarà ospite del salotto di Barbara D’Urso per un‘intervista esclusiva in cui renderà partecipi i telespettatori dei momenti di sconforto vissuti da quel fatidico 31 maggio e superati grazie anche al sostegno delle persone a lui care, in particolare il compagno Sirio che frequenta da 4 anni.

LEGGI ANCHE –> Enrico Di Lauro: chi è, età, carriera del concorrente eliminato ad XFactor

Marco Carta, il primo commento dopo l’assoluzione: il pm aveva chiesto un condanna a 8 mesi

Assente in aula, Marco Carta è scoppiato in lacrime alla notizia di essere stato assolto per non aver commesso il fatto. A raccontarlo è il legale del cantante sardo che lo ha prontamente informato dell’assoluzione ricevendo in cambio i sentiti ringraziamenti dell’ex vincitore di “Amici” e del Festival di Sanremo. La sentenza di assoluzione, pronunciata dal giudice Stefano Caramellino della Sesta Sezione Penale del Tribunale di Milano, è giunta al termine del processo celebrato con rito abbreviato, concesso dopo il via libera da parte dei legali di Carta all‘acquisizione delle immagini del circuito di videosorveglianza della Rinascente, nel corso del quale il pm Nicola Rossato ha chiesto per Marco Carta una condanna a 8 mesi di reclusione e 400 euro di ammenda.

LEGGI ANCHE –> “Codice Mercury”: trama, cast e trailer del film con Bruce Willis