Legge di Bilancio 2020: previsto anche il Bonus tende

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:57

Detrazione Irpef al 50% o sconto immediato del prezzo d’acquisto della stessa entità: è quanto contempla il Bonus tende previsto nella Legge di Bilancio 2020

(outletinfissi.eu)

Forse non tutti sanno che tra i vari benefit ed agevolazioni fiscali contemplati nella Legge di Bilancio 2020 figura anche il bonus tende. Di cosa si tratta? Semplice. Pertanto anche nel 2020 gli acquirenti di tende da sole esterne ed interne, in quanto necessarie alla schermatura solare, potranno beneficiare della detrazione o sconto Irpef al 50% delle spese affrontate per il loro acquisto. Inoltre, ai sensi del Decreto Crescita, convertito in legge pochi giorni fa, si può optare per lo sconto immediato applicato al prezzo d’acquisto al posto della detrazione Irpef rateizzata in 10 anni. Tale agevolazione, come già detto, è dell’ordine del 50% delle spese sostenute entro un tetto massimo di 60.000 euro per l’acquisto di tende che garantiscono un’idonea schermatura solare, ossia proteggono dalla luce e dal calore solari riducendo in tal modo il surriscaldamento dei locali interni, con conseguente risparmio energetico dovuto al minor utilizzo dei condizionatori.

LEGGI ANCHE –> Novità in arrivo per il bonus condizionatori

Legge di Bilancio 2020: chi sono i beneficiari del Bonus tende

Per usufruire del bonus tende 2020 occorre effettuare il relativo pagamento a mezzo di bonifico parlante, bancario o postale on line, nel quale siano correttamente riportati la causale di legge, il codice fiscale, il numero e la data della fattura; poi, entro 90 giorni dalla fine dei lavori, bisogna trasmettere per via telematica all’Enea la “Scheda descrittiva dell’intervento“. I beneficiari del Bonus tende sono il proprietario dell’immobile, l’usufruttuario, l’affittuario, il nudo proprietario, chi detiene l’immobile in comodato d’uso, i condomini relativamente alle parti in comune. Per accedervi è necessario, inoltre, produrre  i seguenti documenti: fatture, ricevute e quietanze relative all’intervento, copia ricevuta del bonifico, certificazione di rispetto dei requisiti tecnici da parte del fornitore, schede tecniche dei componenti, originale della domanda inoltrata all’Enea e ricevuta dell’invio inoltrato all’Enea.

LEGGI ANCHE –> Legge di Bilancio 2020: confermato il bonus elettrodomestici