Inizia a delinearsi il quadro dei disservizi delle scale mobili della Metro Roma. I personaggi coinvolti sono accusati di frode nelle pubbliche forniture e lesioni personali colpose aggravate

Metro Roma
Stazione Barberini, Roma (Ripetto, Wikipedia)

La Capitale si è svegliata con l’importante operazione di Polizia di Stato coordinata dalla Procura della Repubblica di Roma. Dopo diversi mesi stanno venendo a galla degli incresciosi retroscena circa gli incidenti e i disservizi delle scale mobili in alcune fermate delle metropolitana.

La squadra mobile di Roma e il Commissariato del Viminale hanno applicato un’ordinanza di custodia cautelare a carico di 4 persone dipendenti di Metro Roma e Atac. I reati contestati sono frode nelle pubbliche forniture e lesioni personali colpose aggravate. Ulteriori dettagli saranno svelati nel corso della giornata.

Leggi anche -> Regno Unito, 26enne fa uno scherzo ad un amico che poco dopo muore

Metro Roma: svelato l’arcano sugli incidenti occorsi ai tifosi del Cska Mosca

Dunque, in virtù delle suddette accuse adesso si spiegano gli incresciosi incidenti del 23 ottobre 2018 in cui rimasero feriti diversi sostenitori del Cska Mosca giunti in Italia per assistere al match di Champions League contro la Roma.

In molti rimasero feriti per il cedimento delle scale mobili alla fermata di Repubblica che da quel giorno fino al 26 giugno 2019 rimase chiusa. Successivamente furono sequestrate anche le stazioni di Barberini e Spagna. La prima è stata chiusa per circa un mese e mezzo ed è stata riaperta lo scorso maggio, mentre la seconda è tuttora in disfunzione.

In generale sono diverse le fermate metro tra linea A, B e C in cui le scale mobili non funzionano. Davvero clamoroso per una capitale Europea.

Leggi anche -> Million Day, la diretta dell’estrazione di Giovedì 12 Settembre

Facebook Comments