Meteo Napoli Previsioni di domani 11 settembre: nuvolosità, temperature e venti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:13

Meteo Napoli Previsioni domani 11 settembre: nuvolosità, temperature e venti. Seguite gli aggiornamenti in diretta su chenews.it

Meteo Napoli domani 11 settembre

A Napoli domani, mercoledì 11 settembre, nubi sparse alternate a schiarite per l’intera giornata, con tendenza ad ampi rasserenamenti in serata. Durante la giornata di domani la temperatura massima registrata sarà di 29°C, la minima di 19°Clo zero termico si attesterà a 3700 m. I venti saranno al mattino moderati e proverranno da Est-Nordest, al pomeriggio deboli e proverranno da Sudest. Mare poco mosso. Nessuna allerta meteo presente.

Meteo Campania domani 11 settembre

LEGGI ANCHE –> ROMA, DUE MENDICANTI “FINTE GOBBE” SI PRENDONO A BASTONATE

Meteo Napoli domani 11 settembre

Previsioni meteo in provincia di Napoli

Al mattino nubi sparse e schiarite, al pomeriggio nubi sparse e schiarite, la sera nubi sparse con ampie schiarite, la notte sereno, con innocue velature.

Alcune informazioni su Napoli

La città di Napoli, nell’Italia meridionale, sorge nel cuore dell’omonima baia accanto al Vesuvio, il vulcano attivo ancora oggi e noto per aver distrutto l’antica città romana di Pompei. Risalente al secondo millennio a.C., Napoli ha alle spalle secoli di storia dell’arte e di architettura e la sua cattedrale, il Duomo di San Gennaro, è ricca di affreschi. I luoghi storici di maggior interesse sono il sontuoso Palazzo Reale e il Maschio Angioino, un edificio del XIII secolo. Rinomata è anche la tradizione gastronomica napoletana: dalla pizza, il cibo italiano più conosciuto ed apprezzato al mondo, alla pasticceria con il babà, la pastiera, le sfogliatelle e tante altre delizie che soddisfano il palato dei residenti e dei tanti turisti che affollano la città partenopea. Appuntamento irrinunciabile per ogni autentico napoletano, in un mix di fede e superstizione, il rinnovarsi del miracolo della liquefazione del sangue del patrono della città, San Gennaro, conservato in un’ampolla custodita nel Duomo, in occasione della sua festa, il 19 settembre, il cui non ripetersi è considerato dai napoletani presagio di sventure per la città.