L’attaccante camerunese Samuel Eto’o smette a 38 anni dopo aver vinto praticamente tutto. Nell’ultima stagione aveva giocato al Qatar Sports Club

Eto’o lascia il calcio giocato (Instagram)

Il 2019 è stato un anno di congedi importanti dal calcio giocato. Dopo Diego Forlan e Fernando Torres, Barzagli e Xavi ha appeso le scarpette al chiodo un altro grande interprete degli ultimi vent’anni, ovvero Samuel Eto’o.

Il centravanti camerunense ha abbinato quantità e qualità e ha lasciato il segno praticamente in ogni club in cui ha militato. La sua carriera è stata costellata da grandi successi e ha messo le mani su tutti i trofei più prestigiosi.

Ha iniziato nel 1997 in Spagna con il Leganes, per poi transitare al Real Madrid e all’Espanyol, ma è al Mallorca che esplode definitivamente.

Le sue prestazioni con il club isolano non passano inosservato e nel 2004 viene acquistato dal Barcellona con cui ha realizzato 129 reti in 199 presenze. I goal nelle finali di Champions League contro Arsenal (2006) e Manchester United (2009) sono state le perle più importanti del suo percorso in blaugrana, prima del passaggio all’Inter dove in due stagioni ha lasciato un segno indelebile e ancora oggi è ricordato e osannato dai tifosi nerazzurri.

Da lì in poi il lento declino, iniziato con l’avventura all’Anzi, club russo che lo ha ricoperto di milioni, ma che lo ridimensionato e non poco. Le parentesi con Everton, Chelsea e Sampdoria non sono di certo da ricordare, mentre in Turchia con Antalyaspor e Konyaspor, non è poi andata così male.

Leggi anche -> Wanda Nara: “Icardi non avrebbe mai accettato la Juventus”

Eto’o, “triplete” sia con l’Inter che con il Barcellona

Tra i suoi record in carriera, c’è quello di aver centrato il triplete con due squadre diverse nel giro di appena due stagioni: prima con i catalani nel 2009 e poi in Italia con la casacca nerazzurra nel 2010.

In entrambi i casi è stato uno dei principali artefici e per questo oggi i sostenitori di queste due squadre accoglieranno la notizia del suo addio al calcio con un velo di malinconia, pensando alle gesta di uno dei giocatori più forti del nuovo millennio.

Leggi anche -> Serie A – dalla 3° alla 16° giornata | SKY o DAZN | Anticipi e posticipi

Facebook Comments