Crisi di governo: oggi l’incarico a Conte

Si vede la luce in fondo al tunnel della crisi di governo: Mattarella ha convocato al Quirinale il Premier uscente Conte per affidargli l’incarico di formare un governo M5S-Pd

cucchi ministero parte civile
Giuseppe Conte (Getty Images)

Al termine del secondo round delle consultazioni il Presidente della Repubblica Mattarella ha convocato per oggi, alle 9.30, al Quirinale il Prof.Giuseppe Conte per conferirgli l’incarico di formare una nuova maggioranza di governo, ampia e coesa, in grado di portare in porto la legislatura. La svolta dopo che il M5S ed il Pd, al culmine di febbrili trattative, hanno manifestato al Capo dello Stato la disponibilità a formare un esecutivo. Tuttavia, permangono ancora due ostacoli lungo la strada che conduce al varo del governo “giallorosso“: il nodo del vicepremier, con il Pd che vorrebbe che fosse uno solo ed espressione del campo democratico, considerando il nuovo Premier in pectore organico al M5S, mentre i pentastellati pretendono di affiancarlo con un altro da loro cooptato, e la spada di Damocle rappresentata dal voto on line degli iscritti alla piattaforma Rousseau sulla faticosa intesa di governo M5S-Pd. Inoltre, Beppe Grillo è intervenuto a gamba tesa con un post sul proprio blog in cui chiede che il costituendo governo sia formato da personalità non politiche sgambettando così le ambizioni gorvernative del capo politico dei grillini Luigi Di Maio: “Oggi è l’occasione di dimostrare a noi stessi e agli altri che le poltrone non c’entrano nulla: i ministri vanno individuati in un pool di personalità del mondo della competenza, assolutamente al di fuori della politica. Il ruolo politico lo svolgeranno i sottosegretari”.

LEGGI ANCHE –> ANTICIPAZIONI STASERA IN TV, I PROGRAMMI DI GIOVEDI’ 29 AGOSTO

Crisi di governo: oggi l’incarico a Conte. Salvini: “E’ un Monti bis”

Mentre l’accordo di governo M5S e Pd miete le prime vittime, con le annunciate dimissioni dalla Direzione del Pd da parte dell’europarlamentare Carlo Calenda, in totale dissenso con l’alleanza governativa con i grillini, le opposizioni già affilano le armi, con Giorgia Meloni, leader di FdI, che chiama alla mobilitazione in occasione del voto di fiducia a Montecitorio al nuovo esecutivo “giallorosso”. Salvini, invece, si limita a vaticinare un governo di breve durata a causa delle profonde divisioni che lacerano la non ancora nata maggioranza di governo “giallorossa”: “Mattarella abbiamo espresso lo sconcerto di fronte all’indecoroso teatrino della guerra di poltrone che sconcerta milioni di italiani. Si tratta di un “Monti bis“, il candidato premier probabilmente è stato deciso a Biarritz. A qualcuno dava fastidio un governo che restituiva dignità al Paese. “Pd e 5Stelle sono mondi diversi, già litigano prima di formare un governo”.

LEGGI ANCHE –> ESTRAZIONI LOTTO E SUPERENALOTTO | DIRETTA | GIOVEDI’ 29 AGOSTO