Governo, l’ex ministro Padoan teme lo spread a 350 punti

In un’intervista rilasciata a La Repubblica, l’ex ministro Padoan interviene sulla situazione politica: minaccia spread a 350 punti e commento sull’ipotesi governo Salvini

Governo, l'ex ministro Padoan teme lo spread a 350 punti
Pier Carlo Padoan (GettyImages)

L’ex ministro dell’Economia dei governi Renzi e Gentiloni, Pier Carlo Padoan, intervistato a La Repubblica, si è espresso sull’attualità politica e sulla situazione inerente alla crisi di governo, commentando anche un’ipotetico governo Salvini: per Padoan il rischio è lo spread a 350 punti.

Continua a tenere banco la situazione politica in Italia anche nella settimana del Ferragosto, con la Crisi di governo innescata dal vicepremier, leader della Lega e ministro dell’interno Matteo Salvini, a cui hanno fatto seguito prima le parole del Premier Giuseppe Conte, che vigilerà sulla crisi e sugli atti in Parlamento, e poi quelle di Di Maio, esponente massimo del Movimento 5 stelle.

LEGGI ANCHE –> TREVISO, SINDACO PESTATO DAI NOMADI PERCHÈ VOLEVA SGOMBERARE IL CAMPO ROM

Pier Carlo Padoan su ipotesi governo Salvini e rischio spread a 350 punti: “Italia il Paese più fragile dell’UE”

Mentre iniziano le manovre da parte dei partiti, ci sono diverse ipotesi in campo nate sin dal momenti in cui è iniziato il dibattito sulla crisi di governo: tra maggioranza parlamentare M5s – Pd, o il ritorno al voto con nuove elezioni.

A tal riguardo si è espresso l’ex Ministro Padoan, che a La Repubblica ha spiegato che il dibattito sulla creazione di un nuovo governo di queste ore sembrerebbe dare per scontato il fatto di poter affrontare agevolmente la situazione economica, o che la manovra di cui tanto si parla possa essere facilmente gestita. Padoan ha definito l’Italia come “il paese più fragile dell’Ue”, e, a proposito della possibilità di Salvini premier, ha spiegato che “produrrebbe poi una manovra lacrime e sangue”.

Chiosa sullo spread per l’ex ministro che, guardando l’attuale situazione politica, ha spiegato che il Paese sta tornando ad un quadro politico ed economico già vissuto mesi or sono, quando lo spread toccò quota 350 punti.