Il decreto sicurezza bis è stato approvato al Senato: ecco cosa prevede

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:51

Oggi, lunedì 5 agosto, il decreto sicurezza bis è stato approvato in Senato: i voti a favore sono stati 160, 57 i contrari e 21 astenuti

Il decreto sicurezza bis è stato approvato al Senato: ecco cosa prevede
Matteo Salvini (Getty Images)

Il decreto sicurezza bis, tanto richiesto e voluto dalla Lega di Matteo Salvini, è stato approvato in Senato con 160 voti: il decreto era già stato approvato in precedenza alla Camera passando poi al vaglio dei Senatori. Principalmente si parla di migranti e della gestione di questi ultimi.

I parlamentari a favore sono stati quelli del Movimento 5 Stelle e quelli della Lega, contrari quelli del Partito Democratico, mentre gli astenuti, come già annunciato in precedenza, Forza Italia e Fratelli d’Italia. Il Governo gialloverde aveva posto sul decreto la fiducia

Il decreto sicurezza bis, in modo particolare, include la richiesta di fondi per assumere più forze dell’ordine, l’aumento delle sanzioni ai capitani delle navi che sbarcano in Italia se queste non rispettano le regole imposte e maggiori ritorsioni per chi aggredisce le forze dell’ordine.

LEGGI ANCHE–> OLANDA, DIVIETO DI INDOSSARE IL BURQA NEI LUOGHI PUBBLICI

Il decreto sicurezza bis è stato approvato al Senato: ecco cosa prevede. Le critiche

È stato dunque il giorno del Decreto sicurezza bis, approvato dal Senato con 160 voti favorevoli, 57 contrari e 21 astenuti.

Luigi Patronaggio, procuratore di Agrigento, aveva già aspramente disapprovato il decreto quando quest’ultimo era stato approvato alla Camera dichiarando che non pone soluzioni per gli sbarchi dei migranti.

Inoltre, durante la giornata di oggi, molti attivisti hanno manifestato nei pressi di Palazzo Montecitorio contro il decreto; alla manifestazione erano presenti anche i militanti dell’associazione Baobab Experience con la presenza di diversi manifestanti.

Tra i presenti vi era anche l’Anpi e l’Asia Usb. Alla manifestazione si sono poi uniti: Loredana De Petris, Rossella Muroni, Gianfranco Mascia, Gianluca Peciola e Sara Lilli.

Intanto il ministro dell’Interno Matteo Salvini dichiara: “Bel regalo nel giorno del compleanno della Madonna. Chi è stato a Medjugorje lo sa”.